‘Non vedo più colori…’: Amadeus, la clamorosa confessione prima di Soliti Ignoti

Amadeus
Amadeus

La clamorosa confessione di Amadeus: il conduttore è daltonico 

Lunedì prossimo 16 settembre 2019, alle 20:40 su Rai Uno ripartirà una nuova stagione dei Soliti Ignoti. Naturalmente il game verrà condotto ancora una volta da Amadeus che tra qualche mese sarà impegnato anche con il Festival di Sanremo 2020. A circa una settimana dal debutto, il marito di Giovanna Civitillo ha rotto il silenzio rilasciando una lunga intervista la magazine di gossip DiPiùTv. L’ex dj ha ammesso di essere daltonico. Per questo motivo ha confessato:

“In televisione indosso sempre abiti blu perché non posso distinguere i colori […] Ho solo camicie nere e bianche: sono questi i colori che so riconoscere. Per me sono una sicurezza: così so che non sbaglio gli abbinamenti…”.

Il conduttore torna con i Soliti Ignoti nell’access prime time di Rai Uno

Come accennato prima, Amadeus tornerà con i Soliti Ignoti, il ritorno. L’artista, però, non sarà più al timone di Stasera Tutto è Possibile che ripartirà tra pochi giorni. Al suo posto ci sarà il ballerino napoletano Stefano De Martino. A tal proposito ha detto:

“Mi dispiace averlo lasciato, ma l’ho fatto perché credo di aver dato al programma tutto ciò che potevo dare”.

Mentre parlando di Ora o mai più, che la scorsa stagione televisiva ha ottenuto degli ascolti record, il marito di Giovanna Civitillo ha detto:

“Credo e spero che si rifarà. Le prime due edizioni sono andate molto bene, perciò mi piacerebbe condurre anche la terza”.

Amadeus parla del Festival di Sanremo 2020

Infine, intervistato da DiPiù Tv, Amadeus ha parlato della 70esima edizione del Festival di Sanremo, svelando in anteprima alcune anticipazioni:

“Mi sto dedicando al regolamento e alla scelta dei brani in gara. E’ ancora presto per dire come sarà il mio festival: posso dire solamente di essere molto contento che la Rai mi abbia scelto per condurlo. Sognavo di salire sul palco dell’Ariston come padrone di casa da quando ero bambino!”.