Invecchiando è più difficile dimagrire: ecco perché

Obesità ormone brucia grassi

Andando avanti con l’età dimagrire diventa sempre più difficile, al limite del possibile. Ma perché col passare del tempo si fa sempre più difficile tenersi in forma e quindi tendiamo più facilmente ad ingrassare? La risposta arriva da uno studio condotto dai ricercatori dell’Istituto Karolinska, dall’Università di Uppsala in Svezia e dall’Università di Lione in Francia.

Precedenti studi avevano attribuito l’aumento del peso con l’età alla perdita di massa muscolare e ai cambiamenti ormonali. Ma stando a questo nuovo studio vi sarebbero altri motivi. I ricercatori hanno scoperto che gli adipociti, le cellule del tessuto adiposo, col passare degli anni rallentano la loro velocità di ricambio. Ciò avviene indipendentemente dall’alimentazione e dalla pratica di un’attività fisica.

Adipociti: con l’avanzare dell’età diminuisce la velocità di ricambio

I ricercatori per tredici anni hanno preso in esame la velocità del ricambio delle cellule del grasso in 54 persone. Hanno quindi osservato che con l’avanzare dell’età questa capacità di ricambio tende a rallentare. La conseguenza è che siamo portati ad ingrassare di più, per cui dimagrire diventa più difficile. In particolare a fine studio tutti i soggetti coinvolti hanno evidenziato una diminuzione della velocità con cui i grassi vengono rimossi nelle cellule adipose.

Inoltre i volontari che non avevano intrapreso alcuna dieta per contrastare questa diminuita efficienza del tessuto adiposo, sono ingrassati in media del 20%. Va sottolineato che questa riduzione dell’efficienza del turnover lipidico ha riguardato tutti i soggetti presi in esame, indipendentemente dall’alimentazione seguita. In questo senso, uno degli autori dello studio, ha sottolineato che i processi nel tessuto adiposo possono regolare le variazioni del nostro peso durante l’invecchiamento in maniera del tutto indipendente da altri fattori, ad esempio alimentazione e sport. Ciò, sempre per gli esperti, potrebbe quindi consentire di mettere a punto nuovi trattamenti per l’obesità. Lo studio è stato pubblicato su Nature Medicine.

Perdita di massa muscolare: cosa fare

Con l’età si va inevitabilmente incontro alla perdita di massa muscolare. Ciò avviene progressivamente già a partire dall’età di 30 anni in poi, quando il testosterone viene prodotto in quantità minori. In particolare è dai 50 anni in poi che il calo diventa significativo. Bassi livelli di questo ormone rendono inoltre più facile mettere peso.

Con la perdita di massa muscolare si assiste anche a un rallentamento del metabolismo, per cui con l’avanzare dell’età bruciando meno calorie tendiamo ad ingrassare. Per aiutare i nostri muscoli, dobbiamo praticare attività anaerobica che ne aumenti la resistenza, ad esempio il sollevamento pesi e curare l’alimentazione. In particolare gli alimenti contenenti proteine, che sono i mattoni dei muscoli, possono aiutarci ad aumentarne la massa. Le proteine si trovano principalmente in uova, latte e carni rosse.