Sformato di ziti

primo piatto gustosissimo ed economico

Sformato di ziti
Il piatto del giorno: sformato di ziti

La ricetta scelta per voi per iniziare al meglio la settimana è quella dello sformato di ziti, che altro non sono che dei grossi bucatini. Si tratta di un primo piatto assolutamente economico e non troppo elaborato, senza dubbio squisito e dalla sicura riuscita. Vediamo, quindi, come si realizza questa pietanza.

 

Ingredienti per 4 persone:

250 g di ziti

100 ml di latte

120 g di farina

2 uova

120 g di pancetta stufata

60 g di parmigiano grattugiato

noce moscata

1 cipollina

sale e pepe quanto basta

 

Preparazione:

Mettere una parte di burro in una casseruola e farlo fondere a fiamma regolare. Non appena sarà sciolto, unirvi la cipollina tritata finemente e lasciarla rosolare piano. Quando sarà appassita, allontanare il recipiente dal fuoco e gettarvi dentro la farina. Rimestare fino ad ottenere una pastella omogenea, poi diluirla poco alla volta con il latte, rimestando con cura per evitare la formazione di grumi.

Dopo aver versato tutto il latte (tranne un cucchiaio, che verrà usato in seguito), salare il liquido e rimettere il recipiente sul fuoco. Lasciare che il liquido raggiunga l’ebollizione rimescolandolo incessantemente, quindi, quando si sarà addensato, alzando il bollore, incorporarvi velocemente un uovo e un albume, poi mescolarvi la pancetta tagliata a pezzetti e 40 grammi di formaggio.

Lessare la pasta, scolarla, versarla nella besciamella e mescolare bene; trasferire il tutto in una teglia imburrata. Livellare la superficie, che verrà poi spennellata con il tuorlo diluito in un cucchiaio di latte. Spargere sopra il rimanente formaggio grattugiato, il pepe e la noce moscata grattugiata e passare la pasta in forno preriscaldato a 200° per circa 20 minuti, finché la superficie non sarà tutta ben gratinata.

 

L’appuntamento con la prossima ricetta è, come di consueto, fissato per domani. Intanto, se volete restare sempre aggiornati con i miei articoli di attualità, spettacolo e cucina, potete seguirmi mettendo il vostro like qui.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!