‘È ancora scioccata…’: Al Bano, la madre Jolanda Ottino aggredita, il figlio Yari rivela tutto su IG (Foto)

Al Bano

Lo sfogo di Yari Carrisi su IG

Al Bano Carrisi ha la fortuna di avere ancora in vita la madre Jolanda Ottino che si sta avvicinando al suo 97esimo compleanno Per il cantautore di Cellino San Marco quest’ultimo è la persona più importante della sua vita perché gli è stata sempre accanto sia nei momenti di gioia che quelli tristi. Qualche ora fa, attraverso delle domande e risposte fatte dai follower di Yari, il primogenito della storica coppia, ha riferito che c’è qualcuno che usurpa il suo nome e minaccia la sicurezza della sua famiglia.

La denuncia di Yari sull’aggressione a nonna Jolanda Ottino

A quanto pare Yari Carrisi ha ereditato lo stesso carattere forte del genitore Al Bano. Il secondogenito della storica coppia tiene tantissimo alla sua famiglia. per questo qualche ira fa rispondendo alle domande che i seguaci gli hanno fatto su IG, ha fatto una sorta di denuncia social. Attraverso delle Stories, il ragazzo ha raccontato degli episodi abbastanza gravi accaduto nella Tenuta di Cellino San Marco. A quanto pare si tratta di veri e propri reati verso di lui e i suoi familiari:

“DA ANNI ORMAI CHE CELLINO È UN INCUBO. ERA UN PARADISO ORA È UN INFERNO. NON TENGO PIÙ NIENTE DENTRO. NON VOGLIO PIÙ IL TUO MALE”.

Ma a chi si riferisce di preciso? Oltre al chiasso, una ragione impensabile fa giustamente arrabbiare moltissimo Yari: il locale in questione pare che usi il cognome dei Carrisi:

“IL POSTO È NATO GRAZIE ALLA MUSICA…UN POSTO CHE SI È FOTT**O IL MIO COGNOME CHE SIA IO CHE MIO PADRE ABBIAMO SMESSO DI UTILIZZARE”.

Nonna Jolanda senza parole

Il secondo figlio di Al Bano e Romina Power, inoltre, ha chiamato in causa anche quello che può essere considerato il pilastro della famiglia Carrisi, la donna per il Maestro Al Bano. Stiamo parlando di nonna Yolanda Ottino che, stando alle parole del nipote, sarebbe abbastanza provata da questa situazione e delle numerose grida e minacce da parte del proprietario del suddetto locale. Ma l’anziana signora sarebbe addolorata in particolare per l’uso improprio del cognome della sua famiglia.

“COSA CHE FECE CON ME DUE GIORNI FA, DAVANTI A MIA NONNA CHE È ANCORA SCIOCCATA. COME LO SONO IO OVVIAMENTE”,

ha scritto Yari sulle Stories di IG. Ecco lo scatto in questione:

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!