Sapete che ‘la zebra a pois’ esiste davvero? Un cucciolo è nato in Kenya

Una cucciolo di zebra a pois è nato in kenya (Foto: Wilderest Africa su Facebook)

“Una zebra a pois”…Lo cantava Mina tanti anni fa in una canzone divenuta molto popolare, ma di fatto è una realtà: la zebra a pois esiste, un cucciolo è nato in Kenya. L’evento è avvenuto all’interno della riserva faunistica Masai Mara (o Maasai Mara), famosa perché ospita tutte le cinque specie più famose della savana africana: leoni, leopardi, elefanti, bufali e rinoceronti. Le foto, pubblicate su Facebook da Wildest Africa, hanno suscitando tanto stupore nel web, oltre che tanta tenerezza e curiosità.

Ecco come si presenta il cucciolo di zebra a pois

Una sorta di scherzo della natura, ma un gran bello scherzo. Il cucciolo (maschio o femmina, non si sa ancora) non è solo una zebra a pois, ma anche una zebra con i colori invertiti: il mantello non è bianco, ma nero-bruno,  le macchie che prendono il posto delle regolamentari striature (ne sopravvivono però alcune sulle zampe) non sono nere, ma bianche.

Ecco il perché di questa variazioni genetiche

Si tratta di una variazione sul tema della zebra melanica, cioè con una mutazione genetica che causa una colorazione scura. In passato, altre zebre melaniche sono state viste e fotografate. Se è vero che più fa caldo, più le zebre hanno strisce nere, il cucciolo nato nel Masai Mara potrebbe essere la conferma che stiamo andando vero l’aumento della temperatura.

Esistono acne zebre bianche con striature rosse

Peraltro è documentata l’esistenza di alcune zebre molto bianche, con striature rossicce o grigio cenere anziché nere. Talvolta, più raramente, nascono zebre sul cui mantello le strisce sono in parte sostituite da macchie più o meno allungate.

Una zebra a  pois: un caso rarissimo

Una zebra a pois come quella nata nel Masai Mara è un esemplare più unico che raro. “Masai” è il nome della popolazione della zona, mentre “Mara” significa “a pois”, “a macchie”, dal momento che la riserva è punteggiata dalle chiome di grandi, spinose acacie.

Spesso le zebre con colorazioni anomale hanno vita breve e in qualche caso non sono accettate dal branco. Stavolta pare che non sia così. Il cucciolo a pois è stato notato per la prima volta da una guida che lo ha “battezzato” con il proprio soprannome: Tira.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!