I freaks di American Horror Story sono realmente esistiti

La prima serie ci ha lasciati a bocca aperta: nessuno si aspettava una storia tanto avvincente quanto scritta in modo perfetto da abili sceneggiatori, americanissimi, che ben conoscono le dinamiche di suspance e le tecniche di accalappiamento degli spettatori. La seconda serie, per molti la migliore,  ci ha spaventati a morte, toccando una delle paure più ancestrali e universali del mondo: il manicomio. Con la terza serie c’è chi dice che American Horror Story abbia avuto un cedimento di contenuto, ma l’estetica e la fotografia si sono rivelate così affascinanti da farsi perdonare la trama sicuramente meno ipnotica. Ma è con la quarta serie, “Freak Show”, che lo staff di American Horror story vince l’oscar delle serie televisive più riuscite nella storia del piccolo schermo. Inimmaginabile ciò che si può trovare nei meandri della trama: complessa, misteriosa, a dir poco terrificante, profonda, commovente, erotica, colta e assolutamente imperdibile. La stagione numero quattro è ambientata negli anni 50 a Jupiter, in Florida. Elsa Mars (interpretata dalla sublime Jessica Lange) è la maitresse di un circo assurdo e apparentemente terrificante, in cui l’attrazione è costituita dalle esibizioni dei freaks, gli scherzi della natura. Uomini e donne dalle più atipiche menomazioni, deformità e malattie, che hanno fatto della loro condizione di emarginati, un vero e proprio lavoro. Guardare quelle creature nella serie fa pensare a quale genio creativo abbia potuto partorire idee così fuori dal comune, eppure, se si esegue una ricerca approfondita, si scopre che i personaggi del Freak Show sono realmente esistiti. Partiamo dal personaggio interpretato da Evan Peters: un ragazzo dalle mani deformi. La persona a cui è ispirato il suo personaggio è Fred Wilson, classe 1866 e conosciuto come “l’uomo aragosta” per via delle sue mani, del tutto identiche a chele. lobsterboy

Un altro dei protagonisti più accattivanti della serie è quello interpretato dal premio Oscar Kathy Bates: la donna barbuta. Nella vita reale era Annie Jones, alla quale cominciarono a crescere le basette e la barba alla tenera età di 5 anni.

 

annie1

 

Chi ha già sbirciato qualche puntata non può non essere stato colpito dal più tenero (apparentemente) personaggio che gira sotto al tendone del circo: Meep. Il piccolo essere era in realtà una ragazza, affetta da una rara patologia che ne causava un ritardo mentale: Minnie Woolsey , la ragazza “koo koo”.

kou kouAncora più straordinaria è la somiglianza tra Pepper, una vecchia conoscenza dei seguaci di American Horror Story e i gemelli Pip e Flip, apparsi come attori nel film “Freaks” del 1932. img_0505

Nel cast compare anche la donna più piccola del mondo, qui nei panni di se stessa. Ce la ricordiamo tutti (purtroppo per lei) in braccio a Barbara D’Urso allo show dei record su canale 5.Dato che non è nostra intenzione spoilerare troppo della quarta serie di American Horror Story, terminiamo qui l’articolo. Ma vi assicuriamo che quello che potrete vedere è davvero oltre i limiti dell’immaginazione. Sapere che molti personaggi sono ispirati a persone reali mette anche una certa dose di inquietudine, dobbiamo essere sinceri. La stagione numero quattro è una sorpresa continua e il tema che viene affrontato, seppur con toni assai “pop” e ben poco moralisti, è pur sempre quello della diversità. Onore a una sere TV che senza tanti fronzoli parla onestamente di persone che hanno dovuto subire umiliazioni, torture psicologiche e fisiche per l’unico obiettivo che ognuno di noi ha: sopravvivere in una giungla sempre più crudele con coloro che non rientrano negli standard della paurosissima (questa volta per davvero) normalità.

 

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!
Articolo precedenteTorino, parte Artissima 2014
Articolo successivoDel Piero criticato dalla stampa indiana!
e Metamorfosi di K è un nuovo servizio che vende idee. Attraverso la costruzione di una profonda empatia con il cliente e una assoluta tutela della riservatezza dello stesso, creiamo su commissione: slogan titoli trovate pubblicitarie lettere formali lettere informali per ogni occasione (d'amore, di scuse, di ringraziamento, di auguri etc.) articoli comunicati stampa recensioni di film, libri, riviste, eventi culturali, fiere etc. saggi elaborazioni di progetti soggetti cinematografici e teatrali favole originali e personalizzate testi per canzoni poesie e ogni altra forma di scrittura creativa. Forniamo anche consigli e supporto per stesura di temi e tesi correzione formale di elaborati già scritti.Informazioni generali contatti: [email protected] cell: 3391396181I nostri ghost writer:LA BLATTA: laureata in Lettere Moderne e Filologia Moderna presso l'Università Cattolica di Milano, scrittrice e drammaturga, articolista freelance, esperta in educazione all'ecosostenibilità, dieta e cultura vegan e animalismo.LA TERZA GEMELLA: attrice, drammaturga, regista, sceneggiatrice, educatrice professionale esperta in pedagogia e letteratura per l'infanzia, direttrice artistica, organizzatrice di eventi culturali.