Mahmood figuraccia in diretta: il video della gaffe diventa virale

Mahmood
Mahmood

Una di quelle gaffe che restano nella memoria: Mahmood ne ha combinato un’altra delle sue. Finita l’intervista con Radio Bruno, il cantante ha pensato bene di ringraziare e poi di salutare la concorrenza.

Mahmood: una bella figuraccia

“Grazie a Radio Norba”, esclama convinto il cantante milanese. Silenzio e poi l’intervistatrice che lo riprende tra l’imbarazzo dei presenti: “Guardi è Radio Bruno”. Mahmood sembra voler sprofondare. Come abbia fatto a a confondersi, oltre tutto con il logo della casa radiofonica proprio sotto al naso, resta un mistero. Un video che ha immediatamente fatto il giro del web fino ad essere uno dei più visti di ieri. (Continua dopo il post).

View this post on Instagram

MA QUI SI VOLA @mahmood ✈️ (cc @ varrmax)

A post shared by Trash Italiano (@trash_italiano) on

Facile capire i commenti degli utenti, che scherzano con Mahmood: “La prossima volta in Rai, ringrazi Mediaset?”, scrive qualche bontempone. La fritta è ormai fatta, tanto vale riderci su.

Mahmood: un anno d’oro, nel bene e nel male

Sembra proprio l’anno di Mahmood, nel bene e nel male. Il cantante milanese, dopo la vittoria al “Festival di Sanremo” con il brano “Soldi”, ha scalato velocemente le classifiche nostrane. Apprezzatissimo per il suo sound ricercato, dai ritmi esotici, ha pubblicato ultimamente il singolo “Barrio”, che segue il successo “Calipso”, pubblicato con Fabri Fibra e Sefra Ebbasta.

Come tutti gli artisti dell’ultima generazione Mahmood riesce a sfruttare i social in maniera magistrale. Infatti è seguitissimo sia su Facebook che su Instagram, e regala spesso perle ai suoi fan del canale Youtube o abbonati a Spotify. Apprezzatissimo anche all’estero è arrivato secondo all’Eurovision Song Contest, tenutosi a Tel Aviv, in Israele.

Mahmood, nonostante l’esplosione avvenuta di recente, è nel giro della musica sin da giovanissimo. Ha scritto tanti brani, per Marco Mengoni e Michele Bravi. Quest’anno ha presenziato, insieme a Clementino e Rocco Hunt alla cerimonia di chiusura delle Universiadi tenutasi a Napoli.

Nonostante sia uscito il suo primo album dal nome “Gioventù bruciata”, non è stato ancora stilato un calendario dei suoi live. Con la sua musica, che come lui stesso ha dichiarato cerca di unire i suoni mediorientali e il Lucio Battisti ascoltato da piccolo, ha conquistato tutti. Ma molti adesso vorrebbero goderselo live, e per adesso non è ancora possibile.

Per adesso pare dobbiamo accontentarci delle sue uscite, di sicuro molto divertenti.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!