Quando lo shopping diventa una malattia

Quand'è che lo shopping diventa una malattia?

shoping time
dipendenza dallo shopping

Quando si può affermare di esser diventate, o diventati, malati/e di shopping?

Ovviamente, questo fenomeno colpisce una quota maggiore di donne rispetto agli uomini, ma così come per la ceretta e la cura delle sopracciglia, molti uomini stanno sempre più entrando nella categoria dei fashion addicted, con la conseguente pulsione spropositata verso lo shopping.

Analizziamo nel dettaglio in cosa consiste la dipendenza dall’acquisto, o dagli acquisti, in modo che anche voi possiate capire se rientrate in questi punti o meno.

Innanzitutto si può riconoscere una persona malata di shopping perché:

– Si veste con le ultime tendenze di stagione

– Ha borsa, scarpe e cintura sempre abbinate e non esce di casa se non è all’apparenza perfetta

– Ha una borsa capiente per poter nascondere i nuovi acquisti, in modo che i genitori o il partner non se ne accorgano e non facciano la “ramanzina” sui troppi soldi spes.

– Ha un portafoglio grande, per farci stare i contanti, le innumerevoli monetine e le carte di credito

– Solitamente nei pressi dei suoi negozi preferiti, in qualunque stagione dell’anno, indossa gli occhiali da sole, forse per timore di essere riconosciuta

– Non è insolito che tenga lo sguardo basso o finga di parlare al cellulare in prossimità dei commessi e delle casse, all’atto di pagare, in modo che sembri solo una “toccata e fuga” di poca importanza nel negozio e non una missione di shopping

Per caso vi riconoscere in qualcuno di questi punti?

Se la risposta è affermativa e avete pensato che stessi parlando esattamente di voi in almeno 4 di questi 6 punti, allora con alte probabilità siete un/a shopping-dipendente.

Ma niente paura, si può guarire.

Basta nascondere la carta di credito e pensare che i vestiti, nonostante siano delle gran belle invenzioni, non reggano il confronto con la vacanza che potreste permettervi con i soldi risparmiati dallo shopping compulsivo!

 

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!