“Il primo Natale”, svelato il titolo del nuovo film di Ficarra e Picone

Ficarra e Picone
Ficarra e Picone saranno al cinema a Natale 2019, dal 12 dicembre con il loro settimo film "Il primo Natale"

“Il primo Natale”. Sarà questo il titolo del nuovo film di Ficarra e Picone al cinema dal 12 dicembre. La storia di un ladro e un prete che si ritrovano a fare un viaggio nel tempo, fino all’Anno Zero. E le prime immagini sono già on line, infatti il teaser del film è apparso in esclusiva su Video Corriere.

Il settimo lavoro cinematografico per Ficarra e Picone

La scorsa estate dieci settimane di riprese tra il Marocco e l’Italia per il cast, ora la pellicola è in fase di montaggio e a Natale sarà sul grande schermo. Il nuovo lungometraggio del duo comico – il settimo lavoro per gli attori e registi palermitani – prodotto da Attilio De Razza per Tramp Limited, arriverà al cinema poco prima di Natale: il 12 dicembre e sarà distribuito da Medusa Film.

Stessa formula di successo per il film “Il primo Natale”

Per questo settimo lungometraggio la coppia comica siciliana non cambia la formula, i testi e le sceneggiature scritte di loro pugno. La pellicola vede la partecipazione anche di Nicola Guaglianone e Fabrizio Testini: la maggior parte delle scene sono state girate a Ouarzazate in Marocco, ma anche ad Arpino in provincia di Frosinone e Roma. Ficarra e Picone interpreteranno rispettivamente un ladro e un prete che finiranno indietro nel tempo fino ad arrivare all’Anno Zero e dunque alla nascita di Gesù Cristo.

Le scene del film ambientate in Marocco

Il film scritto dagli stessi Salvatore Ficarra e Valentino Picone con Nicola Guaglianone e Fabrizio Testini è stato girato nei magnifici scenari e paesaggi naturali di Ouarzazate, in Marocco, ma non solo,  anche in alcune location italiane ad Arpino (in provincia di Frosinone) e a Roma. Il nuovo film segue il successo di pubblico e di incassi del film “L’Ora Legale”, uscito a gennaio 2017, che ha  fatto incassi al botteghino per 11 milioni di euro.

La trama del “Il primo Natale”

È la storia di Salvo e Valentino, un ladro e un prete, che si ritroveranno a fare un viaggio nel tempo, tornando all’Anno Zero. In questo viaggio, avranno a che fare con tanti personaggi incontrati lungo il cammino, tra cui un inedito Erode interpretato da Massimo Popolizio. Il direttore della fotografia è Daniele Ciprì, i costumi di Cristina Francioni, la scenografia è stata affidata a Francesco Frigeri. Il casting curato da Barbara Giordani e Francesco Vedovati. Insomma, a giudicare dai contenuti e dai personaggi, ne combineranno delle belle e ci sarà da ridere. “Si tratta della storia di un’amicizia, di un percorso di crescita umana, un viaggio reale, tangibile, ma anche interiore, personale che cambierà le vite di entrambi – spiegano gli attori e registi.

“Siamo un prete e un ladro, due persone diversissime, il bianco e il nero, il giorno e la notte… insomma Ficarra e Picone”.

Ecco come hanno iniziato la carriera Ficarra e Picone

Ficarra e Picone, entrambi palermitani, hanno iniziato le loro peripezie sul palco di Zelig e dopo aver recitato insieme nel film ‘Nati Stanchi’, hanno deciso di fare i registi in un secondo film. Il regista Avellino aveva già collaborato con loro ne ‘La matassa’. La pellicola il 7 e l’8 ha ricevuto diversi riconoscimenti, ricevendo il premio come miglior regista al David di Donatello e la candidatura al Nastro d’Argento. L’etoile Eleonora Abbagnato ha co-condotto il Festival di Sanremo con Paolo Bonolis e partecipato al cult di Canale 5 Amici di Maria de Filippi. Il suo esordio risale a quando aveva 11 anni in un programma condotto dal grande Pippo Baudo. Nel film Cristina Parodi appare in un breve cammeo dove interpreta sé stessa. La scena che spiega il motivo per cui Tommaso ruba i cartelli stradali viene eliminata dalla pellicola ed è presente solo nei contenuti speciali del dvd.

Nel 2020 il duo festeggia 25 anni di carriera

L’anno prossimo sarà un data clou per il duo che raggiunge quota 25 anni di carriera. “Faremo un tour di oltre cento date dove proporremo il nostro nuovo spettacolo, con pezzi di repertorio, cose che già il pubblico conosce, e altre scritte apposta, nuove e inedite – anticipano – . Sarà la summa dei nostri 25 anni: abbiamo scelto di festeggiarli con la gente e tra la gente. Ne verranno fuori anche quattro serate televisive”.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!