Principe Harry omaggia Diana: lo stesso gesto dopo oltre vent’anni

Principe Harry

Il principe Harry cammina su un campo sminato attraversato dalla madre Diana nel gennaio 1997

Come preannunciato negli scorsi mesi, il principe Harry, Meghan Markle e il piccolo Archie sono partiti alla volta dell’Africa. Un’occasione per il principe di continuare il lavoro iniziato dalla defunta madre Lady Diana, attraversando un campo sminato in Angola. Quel percorso è lo stesso intrapreso dalla principessa triste pochi mesi prima della sua prematura scomparsa, in un incidente automobilistico sulle strade francesi.

Era appena iniziato il 1997 e l’ex moglie del principe Carlo diede riprova di quanto avesse a cuore i meno fortunati; sempre in prima linea nelle campagne per promuovere giustizia ed eguaglianza sociale.

A gennaio si presentò qui e portò avanti la propria battaglia contro le mine antiuomo lasciandosi fotografare mentre attraversava un campo, indossando un casco e una tuta protettiva. A oltre vent’anni da quell’episodio, il principe Harry lancia l’identico messaggio, attraversando lo stesso campo indossando la stessa tenuta di protezione. (Continua dopo la foto)

Una principessa dal cuore nobile

Prima della scomparsa, Diana ha aderito a diverse cause solidali. Dall’impegno nella lotta contro l’AIDS al progetto, seguito dallo stesso principe Harry, per sensibilizzare l’opinione generale sulla necessità di sminare il continente africano, falcidiato dalla guerra civile. Durante il viaggio in Africa, la donna entrò in contatto con Halo Trust, ente no-profit che si prefiggeva di liberare il territorio dalle tracce lasciate dai conflitti bellici, principalmente le mine antiuomo.

Inoltre, Diana incontrò in Angola i bambini sopravvissuti alle esplosioni: gli scatti effettuati fecero il giro del mondo e sconvolsero tantissime persone. Sul profilo Instagram ufficiale di Harry e Meghan Markle, vengono citate le sue parole: spiegò che se fosse assicurato un veto internazionale sulle mine antiuomo, volgendo lo sguardo al domani, il mondo potrebbe essere un luogo più sicuro per i nipoti di quella generazione.

Il principe Harry applica gli insegnamenti della madre

All’epoca del viaggio in Africa, Harry d’Inghilterra era solamente un 12enne. Mentre si faceva grande, ha maturato coscienza civile, facendosi coinvolgere in quell’attività che la morte di Diana la costrinse a lasciare in sospeso. Nel 2010, il fratello di William aveva fatto visita ai campi in Mozambico e, tre anni più avanti, quelli angolani.

Nel 2017 aveva espresso parole forti in occasione della Giornata Internazionale sulla consapevolezza delle mine, rimarcando come l’impegno della madre non avesse raccolto il benestare generale. Sapeva di avere i riflettori puntati addosso e decise di sfruttarli per attirare l’attenzione sugli ultimi.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!