Renato Zero compie 69 anni: la vita e la carriera di una vera leggenda della musica italiana

Renato Zero
Renato Zero

Renato Zero, al secolo Renato Fiacchini, compie 69 anni. Una carriera straordinaria e lunga mezza secolo che ha regalato agli italiani alcuni dei testi più belli della storia della musica di questo Paese.

Renato Zero: una carriera straordinaria

In un incontro organizzato all’Auditorium Parco della Musica in Roma, Renato Zero ha presentato il suo nuovo tour e lo ha fatto proprio nel giorno del suo compleanno. Spegne infatti 69 candeline quella che è una vera e propria leggenda della musica italiana. Grandi successi come “Mi Vendo”, “Il Carazzone” e “Cercami” sono entrati nella memoria musicale popolare. Il grande artista ha annunciato un nuovo album, il 43esimo per l’esattezza, a cui seguirà un lungo tour in giro per lo stivale.

“Voglio festeggiare Zero per avermi strappato a 15 anni dalla noia, per avermi infuso il desiderio di cambiarmi la vita” ha dichiarato un emozionatissimo Renato nella conferenza stampa. Il cantante si definisce “un portatore di coraggio” ed aggiunge di aver fatto pace con Zero, con il suo grande personaggio. Zero è un folle e “folle è chi sogna, chi è libero, chi provoca, chi cambia” continua l’artista. Che poi conclude: “Non è facile averli insieme, Zero era diventato troppo invadente, l’ho dovuto rimettere a posto. Ma ora dormiamo nello stesso letto”. (Continua dopo il post).

Il riferimento è chiaro: erano state, nel recente passato, insistenti le voci che volevano un Renato vicino ad abbandonare il palco. Una notizia che aveva gettato i fans dell’artista, chiamati “Sorcini”, nella più completa disperazione. Renato sarebbe arrivato al punto di non ritorno, tanto da pensare di dire addio per sempre alle luci dei riflettori.

Renato Zero: nuovo album in arrivo

Oggi quei momenti bui sembrano lontani. Non solo, per fortuna, Renato Zero ha continuato a cantare i suoi tantissimi successi. Ma ha anche lavorato sodo in studio per regalare ai propri fans il 43esimo album della sua carriera, dal titolo “Zero il Folle” in uscita il 4 ottobre. Con il suo ultimo album Renato Zero affronta diversi temi, molto delicati che fanno parte del nostro quotidiano.

L’ambiente, il rapporto con le nuove tecnologie, la morte ma anche la fuga dei cervelli. Si tratta di un Renato Zero decisamente più malinconico ed introspettivo del solito. Il grande artista si interroga anche del suo personalissimo rapporto con Dio. Dal 1 novembre invece, partirà il tour omonimo dell’album “Zero il Folle”, con ben 6 date nella sua Roma, presso il Palazzo dello Sport. Poi doppie data a Firenze al Nelson Mandela Forum, a Pesaro presso la Vitrifrigo Arena e il Pala Alpitour di Torino. Poi toccherà al Mediolanum Forum di Milano e si chiuderà con l’unica tappa, per il momento, del sud presso il Palasele di Eboli.

Il disco è stato registrato a Londra, prodotto ed arrangiato da Trevon Horn con cui Zero aveva già collaborato con l’album “Amo” nel 2013 e promette di essere un altro grande successo.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!