QUALE RIFORMA PER LA SCUOLA?

In questo periodo in cui la società italiana è sempre più multiculturale, e dove la scuola ha bisogno di dare una formazione di base uguale per tutti, cresce sempre più la necessità di riformare la scuola.

La scuola oggi non è più un’istituzione di nicchia, un’opportunità esclusiva delle famiglie aristocratiche e con genitori di livello culturale buono. Oggi la scuola pubblica è del popolo tutto, dei figli di persone che non hanno studiato, dei ragazzi problematici (dislessici, con disturbo dell’attenzione, e altre tipologie di BES), con problemi psico-fisici, ma anche figli di immigrati che vengono dalla Cina, dall’India, dal Pakistan, ecc.; che non conoscono l’italiano, ma devono vivere e studiare in Italia.

Questa nuova scuola, aperta al mondo e a tutti gli stili di vita, a tutti i problemi che si possono presentare, non esiste ancora oggi. Perché si realizzi, è importante iniziare cambiando il punto di vista in ottica insegnamento: non è più l’alunno che deve adeguarsi al sistema di insegnamento del docente, ma è l’adulto (educatore, insegnante, ecc.) che deve rispettare i bisogni specifici di ogni singolo alunno.

La scuola può essere riformata, e può adeguarsi alle esigenze degli alunni solo se conosce i bisogni collettivi e ha personale formato, competente, per soddisfare tale bisogni.

Per questo la scuola oggi cerca di avvicinare i genitori, renderli più presenti e partecipi, sia nei consigli di classe che in quelli d’istituto, in maniera che siano soggetti attivi a livello decisionale.

La scuola ha da sviluppare un progetto di riforma basato sulla complessità, che riflette sulle capacità dei docenti, l’aggiornamento e la possibilità di fare formazione per ottenere nuove competenze da investire in ambito lavorativo, le capacità manageriali dei dirigenti e dei docenti coordinatori, il bisogno di dover riflettere sui bisogni specifici dei ragazzi senza perdere di vista gli obiettivi generali della formazione che la scuola offre in base all’ordine e al grado, le modalità di insegnamento: importante è riuscire a promuovere un insegnamento attivo, dove i ragazzi imparano facendo e dove si rispettino i vari stili di apprendimento.

La riforma formativa, educativa e d’insegnamento porta la scuola moderna a dover rivedere i propri standard di valutazione della qualità. Infatti, oggi, la qualità di una scuola non si misura più solo in termini quantitativi (quanti alunni si iscrivono? Quanti i promossi? Quanti i bocciati? Quale voto medio ottengono gli alunni di una certa classe? Che differenza c’è con altre classi?). A questi si applicano anche sistemi di valutazione qualitativi:

  • Dove vive lo studente?
  • Che tipo di famiglia ha?
  • Qual è il livello di istruzione dei genitori?
  • Che tipo di bisogni formativi richiede?
  • Che tipo di aiuto può offrire la scuola perché lo studente superi uno step formativo che non riesce a superare da solo?

Questo significa che la scuola riformata è una scuola che si pone delle domande, che si prefigge di aiutare i ragazzi, che si valuta attraverso degli standard di qualità al fine di offrire un servizio sempre migliore alla comunità, e per crescere sia come lavoro che come opportunità sia per coloro che operano all’interno della scuola per le famiglie che usufruiscono del servizio.

Angelo Franchitto

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!