Il rapper Ghali pubblica la chat privata con la mamma: “Lascia il lavoro, ho bisogno di te”

Il rapper milanese Ghali ha pubblicato sul suo profilo ufficiale di Instagram una chat privata con la mamma. Il rapper le chiede di lasciare il lavoro ora che ormai è diventato una star.

Ghali: “Mamma ho bisogno di te”

Ghali ha pubblicato un pezzo della conversazione whatsapp con sua madre in cui parlano di un nuovo lavoro proposto. Ghali risponde che non deve accettare, che non deve andare, perchè la vuole accanto a lui. Tra poco uscirà il suo nuovo album e dice di aver bisogno di lei, del suo sostegno. Il rapper, nella didascalia del post, ha scritto: “Torna a casa mamma dai saluta le colleghe, dille che gli vuoi bene e che sto chiudendo il nuovo album”. Tra i commenti del post spunta quello della cantante Laura Pausini, che scrive: “Io chi ho messo 10 anni a convincerla!”.

Un rapporto strettissimo quello tra Ghali e sua mamma, a cui ha dedicato la canzone “Ninna Nanna”, uscita nel 2017  e diventata disco di platino. L’ha voluta anche sull’immagine di copertina dell’album, con il rapper fotografato rannicchiato sulle sue ginocchia. In una recente intervista, il rapper, aveva già parlato del rapporto con la mamma: “Abbiamo dormito nella stessa stanza, nello stesso letto, uno a fianco all’altro fino ai miei 23 anni, fino a quest’estate. E questa musica aiuta a non farmene vergognare”. 

Poi Ghali ha aggiunto: “L’ho voluto nella copertina del mio singolo più importante, perchè me lo ero promesso sin da quando ero piccolo, da quando andavamo a trovare papà ai colloqui e si baciavano mentre io disegnavo”. Un’infanzia complicata quella di Ghali, con suo padre in carcere e sua mamma a cui avevano diagnosticato un cancro, quando il rapper aveva 8 anni. (Continua dopo il post). 

Ghali: “Dedico la mia vittoria a mia madre”

Ghali racconta: “Non sono mai stato primo della classe, ma adesso sono primo in classifica. E questa vittoria la dedico a mia madre”. Il rapper racconta poi di quando andavano insieme a trovare il papà in carcere, durante le ore di ricreazione, lui era studente e lei bidella e di quel lettore cd che lei gli regalò, con tanta fatica, per fargli ascoltare la musica lì dentro. Poi Ghali rivela: “Mia madre ha sempre fatto lavori umili. So che qualcuno lì fuori ha avuto una storia simile alla mia, e io voglio raccontarla perchè possa ritrovarsi”.

Durante il suo primissimo concerto live, Ghali la fece salire sul palco. L’abbracciò strettissima, fra gli applausi del pubblico. Poi rivolgendosi a tutti disse: “Auguro a tutte le mamme di vedere i propri figli toccare le stelle ed ai figli di vedere i propri genitori toccare le stelle dalla felicità”. Poi concluse: “Io nella tempesta del deserto e mia madre che si para davanti a me per difendermi dalla sabbia”. Nonostante la citi spesso, nei concerti, nelle canzoni e nelle interviste, Ghali non ha mai voluto rivelare il nome della mamma. Probabilmente per proteggerla dai riflettori.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!
Mario Cassese: