Mika, cupo retroscena sulla sua vita privata: “Lo odio”

Mika

Mika in procinto di lanciare il suo quinto album

My name is Michael Holbrook. Si intitola così il quinto album in studio di Mika, la star libanese trapiantata da ormai parecchi anni in Italia, prossimo a lanciare il suo nuovo progetto, dalla forte impronta personale, intimo  e che prende le distanze dal personaggio per rivendicare la propria identità. Pronunciando il nome di Michael Holbrook si era avvicinato a quella parte del suo io che ripudiava senza conoscerne la causa.

Odia il suo nome legale

Un disco che pone fine alla pausa durata 4 anni, resasi necessaria per ritrovare gli stimoli perduti, soprattutto per ridurre le distanze tra il personaggio pubblico e la vita privata. A un’ora dalla sua nascita, la mamma ha iniziato a chiamarlo con il suo nome d’arte.

Io odio il mio nome legale”, confessa Mika, un po’ perché legato alle multe e a tutta quella parte burocratica che lo terrorizza. Ma si è chiesto se dietro si celasse una qualcosa di più profondo. Perché odia il suo nome che è anche quello di suo padre? Forse – si domanda – per allontanarsi da lui?

Con le proprie origini non ha un rapporto facile, ma ora la sua famiglia sta attraversando un periodo delicato e l’interprete di Take It Easy deve fronteggiare perdite affettive importanti. Oggi si dice più felice che nell’ultimo decennio, ma paradossalmente anche più triste. È un momento complicato nella sua famiglia e questo trambusto l’ha inserito nell’album. Non finge che sia tutto a posto.

Scritto fra la Toscana (dove Mika si sente a casa, a 30 minuti da Firenze), Londra e Miami, My Name is Michael Holbrook darà pure spunto a uno show nei palazzetti italiani. Il Revelation Tour partirà da Torino il 24 novembre, per poi continuare ad Ancona, Roma, Bologna, Brescia, Milano, Padova, Bolzano, Napoli, Bari e Reggio calabria. Nel Belpaese sta cercando un approccio differente con il pubblico, fatto di momenti energici e altri di silenzio. Se riuscirà a cantare a cappella la prova potrà dirsi superata.

Mika pensa solo alla musica

Con buona pace dei tanti che gli chiedono di farsi rivedere in televisione, in questo frangente l’interprete di Take It Easy è totalmente concentrato sulla carriera musicale. Non gli va di diventare ridondante perché la tv segue ritmi veloci, necessitava di riposizionarsi.

Eventualmente un domani valuterà se accontentare le richieste, in versione evoluta. Difatti, ha declinato la proposta di portare Casa Mika in Spagna: sentiva che era la decisione giusta. Comunque coltiva un’idea: non sarebbe da solo e risulterebbe sorprendente.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!