‘Mi davo a tutti, vidi la morte in faccia…’: Sara Tommasi irriconoscibile, lo sfogo a Live non è la D’Urso

Una Sara Tommasi irriconoscibile a Live Non è la D’Urso

Questa sera su Canale 5 sta andando in onda una nuova puntata di Live Non è la D’Urso. Tra i vari ospiti presenti in studio troveremo Sara Tommasi, la showgirl che qualche anno fa ha stravolto completamente la sua vita. E proprio a Barbara D’Urso, giorni fa aveva lanciato un disperato appello.

Per il momento la donna è legata sentimentalmente all’imprenditore Angelo, recentemente rimasta incinta per poi perdere il bambino che aspettava. Lei continua a sperare di avere di nuovo spazio sul piccolo schermo, cosa che faceva prima di perdersi. Per questo, dopo la richiesta di far parte Grande Fratello Vip 4, a Lady Cologno ha detto:

“Oggi faccio sport, mangio bene, mi curo, ma sento il bisogno di andare in televisione a parlare della mia rinascita, sicuramente da Barbara D’Urso riuscirei ad essere me stessa e a raccontarmi senza filtri”.

Sara Tommasi e il suo bipolarismo

Ospite a Live Non è la D’Urso, Sara Tommasi tornerà a parlare del brutto periodo vissuto quando, vittima del suo bipolarismo. Inoltre in quegli anni fece un uso eccessivo di droghe, infatti finì per diventare preda facile di un gran numero di malintenzionati. Per non dimenticare la realizzazione di alcuni film per adulti.

“Ho passato anni veramente terribili: scappavo di casa, vagavo senza una meta e non riuscivo a volermi bene. Mi davo a tutti e tante persone hanno approfittato di me. Mi facevano fare qualsiasi cosa perché non sapevo dire di no”,

ha dichiarato recentemente l’ex soubrette al portale Fanpage.

La soubrette ha rischiato seriamente di morire

Sicuramente da Barbara D’Urso parlerà anche dell’episodio in cui rischiò di perdere la vita. Il tutto accade a Terni, all’interno di un’abitazione dalla quale la ragazza fu portata via solo grazie all’intervento dei familiari.

“Soffrivo di bipolarismo e la patologia veniva accentuata dall’uso di droga, alcol e psicofarmaci. Non riuscivo a stare meglio. Ricordo una notte di qualche tempo fa. Ero scappata da Terni ed ero finita in una casa con alcolizzati e tossicodipendenti”,

ha detto la donna. Poi senza entrare nei dettagli, la Tommasi ha visto la morte in faccia:

“Per grazia di Dio la mia famiglia è corsa a prendermi e mi ha salvato la vita facendomi ricoverare”.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!
Calogero Latino: Non c’è niente di speciale nella scrittura. Devi solo sederti davanti alla macchina da scrivere e metterti a sanguinare. (Ernest Hemingway)