‘Mi sono ubriacata…’: Vanessa Scalera vuota il sacco su una scena di Imma Tataranni – Sostituto Procuratore

Imma Tataranni anticipazioni 22 settembre 2019, un terribile delitto
Imma Tataranni anticipazioni 22 settembre 2019, un terribile delitto

Nuovo appuntamento della fiction Imma Tataranni – Sostituto Procuratore

Questa sera, domenica 20 ottobre 2019, alle 21:25 su Rai Uno va in onda il quinto e penultimo appuntamento di Imma Tataranni – Sostituto Procuratore, la fiction con Vanessa Scalera. Un successo inaspettato che sta portando una grande popolarità all’attrice pugliese. Quest’ultima di recente si è confessata ad un noto settimanale di gossip. Andiamo a vedere cosa ha rivelato.

Vanessa Scalera si confessa al magazine Oggi

Senza ombra di dubbio Imma Tataranni – Sostituto Procuratore è la fiction rivelazione di questa stagione televisiva della Rai. Ad impersonare la protagonista assoluta dello sceneggiato è l’attrice pugliese Vanessa Scalera. Di recente quest’ultima ha rilasciato una lunga intervista a Oggi, il magazine diretto da Umberto Brindani. La donna ha svelato alcuni retroscena inediti accaduti sul set di Matera.

“Nella prima scena, a Metaponto, dovevo immergermi in mare a dieci gradi alle otto del mattino, così mi hanno dato due bicchierini di rum. Ero un po’ ubriaca, livida dal freddo e abbiamo dovuto interrompere“,

ha dichiarato la nota attrice di teatro che ha detto come non sia stato per niente semplice calarsi nei panni di Imma Tataranni.

Vanessa Scalera e il grande lavoro per interpretare Imma Tataranni

La grande difficoltà di Vanessa Scalera è stato l’accento materano, per il quale la donna ha avuto al suo fianco un tutor che la correggesse quando sbagliava cadenza. Successivamente anche il cambiamento fisico, dal momento che il Sostituto Procuratore di Matera, nata dalla dall’autrice Mariolina Venezia, ha una fisicità totalmente differente alla sua, quindi dovuto fare un grande lavoro sul suo corpo. Intervistata dal periodico Oggi, la Scalera ha confessato anche questo:

“Ho dovuto apparire più pesante, imparare a camminare con i piedi piantati a terra. Ero costretta a portare tacchi altissimi senza cadere!. Diciamo pure che il suo stile nel vestire è cattivo gusto allo stato puro, ma mi ha aiutato molto a entrare nel personaggio. Ogni mattina, indossando quei panni, era come se mi mascherassi da supereroe. Emma è una wonder woman materana!”.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!