Pierluigi Diaco sul bisticcio con Vira Carbone: “Non c’ho più parlato”

Pierluigi Diaco

Pierluigi Diaco ritorna sullo screzio con Vira Carbone

Banale non lo è mai. In radio o in televisione, Pierluigi Diaco ha un approccio tutto suo al mezzo di comunicazione: intimo, personale, non preconfezionato. Lo speaker di RTL 102.5 va ora in onda su Rai 1 con io e te… di notte, il riarrangiamento notturno del contenitore che ha tenuto compagnia ai telespettatori nei pomeriggi estivi di Rai 1.

La sua è una presenza talvolta ingombrante, nel senso che va sempre dritto al punto e se qualcosa stona col suo modo di pensare, allora lo esprime, se necessario in modo sprezzante. Accettare il suo invito comporta anche questo, accettare il rischio di avere un confronto, anche piuttosto acceso, e in un’intervista concessa a Panorama.it Pierluigi Diaco non lesina dettagli sui diverbi avuti in passato.

Nessun pentimento

Se dovesse riconoscersi una e una sola dote, allora direbbe la curiosità; il difetto maggiore consiste invece nell’emotività, applicata un po’ a tutto. Il no professionale di cui soprattutto si pente preferisce tenerselo per sé: “Sarebbe inelegante dirlo”.

Un sì di cui si pente è altrettanto difficile indicarlo, per altre ragioni. È innamorato dei suoi errori, ritiene di essere un incassatore e conosce i passi falsi commessi. Non se la racconta e ritiene che le riletture della propria vita non portino da nessuna parte. Non prova pentimento Pierluigi Diaco, nemmeno dello screzio con Vira Carbone, per via del cellulare che le squillò in diretta.

Non c’ha mai parlato nel pre o nel post programma, gli piace improvvisare e crede nel confronto sincero. Per dirne una, prima della puntata non incontra neppure Sandra Milo o Valeria Graci, sue compagne di avventura a Io e Te. Quello con Vira è stato un siparietto consumatosi a favore di telecamera, poi è tornata ospite senza alcun tipo di problema. Il caso che hanno messo in piedi gli ha strappato un sorriso.

Pierluigi Diaco e le liti a Io e Te

Non pensa di aver esagerato nel tono, avendole fatto semplicemente notare che il telefono andava spento in diretta. Non è stato incivile, semmai sincero e rispettoso. il rispetto non doveva portarlo tanto a lui quanto al pubblico da casa. Stando ad alcune voci dietro le quinte si sarebbero verificati alcuni screzi, nelle prime settimane di Io e Te.

Diaco ammette che ci sono state gioie, tensioni, fraintendimenti e momenti belli, come in qualsiasi altra trasmissione. Nella puntata conclusiva, tutti coloro che hanno collaborato sono saliti sul palcoscenico e si sono commossi. Questo ritiene valga più di assurde ricostruzioni.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!