Renato Zero, confessione inedite delle sue amicizie degli anni 60

Renato Zero

Renato Zero confessa come volesse rendere palese la sua stravaganza quando era ancora agli inizi della sua carriera

Nel corso della prima puntata della trasmissione A raccontare comincia tu Renato Zero fa delle confessioni inedite su alcuni sui comportamenti e amicizie del passato. Nell’intervista di Raffaella Carrà affronta i ricordi di quello che furono gli anni’60, dell’improvviso successo e dell’amicizia con Mina e con la Bertè. Il suo è un lungo viaggio ricco di storia e tanti racconti, cose che ha anche inserito in molti suoi brani.

L’artista inizia il viaggio dall’infanzia, da quel tram sul quale saliva con la nonna Renata ogni settimana per andare a visitare i parenti. Di loro Renato ricorda che erano tutti anziani, ma i viaggi, anche se noiosi, per lui hanno significato tanto.

I suoi divertimenti sono iniziati quando ha visto la macchina da cucire, che gli ha ispirato il desiderio di creare e di travestirsi. In quegli anni Roma era avversa al suo modo di essere, ma lui non voleva passare inosservato e così cominciò a vestire in maniera stravagante.

Renato Zero e la voglia di rendere palese la sua stravaganza

La paura di non essere accettato ma il grande desiderio di emergere erano una costante allora per il divo. Renato Zero ha sfidato le convenzioni in un’epoca in cui molte cose non erano permesse, e ha fatto della gentilezza l’unica risposta all’odio.

Non ha mai replicato alla stessa maniera di come lo hanno criticato, e questo lo ha aiutato a distinguersi, a manifestare quell’amore di cui aveva bisogno. Per Renato anche l’amicizia è una forma d’amore, per questo quando poi è stato amato da tanti è stato felice.

La voglia di sentirsi libero di mostrarsi per quello che era ha significato tanto anche per la società, che piano piano ha trasformato le regole. Renato è stato quindi un punto di riferimento per tanti come lui che hanno voluto dichiarare apertamente la loro diversità.

Le sue amicizie importanti

La carriera dell’artista è legata a quella di tanti altri personaggi che fanno parte della scena italiana dello spettacolo. Tra le sue amicizie importanti ci sono quella con Raffaella Carrà, con Mina e con Loredana Bertè. Con quest’ultima ha avuto in passato qualche controversia ma il passato vissuto insieme è indimenticabile e nessuno dei due può scordarlo.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!
Giusy: Sicula Doc anche se nata a Berlino, blogger affermata, estremamente curiosa, appassionata sin da ragazzina di scrittura e tecnologia, praticamente il suo pane quotidiano. Equilibrio sopra ogni cosa, senza pregiudizi e non teme i giudizi altrui, in grado di portare a termine importanti affari.