Sharon Stone: “Mai stata così bella come a 61 anni”

Sharon Stone

Sharon Stone si sente più bella che mai a 61 anni

Sharon Stone, vittima di una aneurisma nel 2001 che l’ha portata sul punto di morte e di un infarto nel 2004, oggi sta meglio e apprezza tutto ciò che c’è di bello nella vita. L’attrice, 61 anni, convive bene con il proprio corpo, soprattutto a quest’età. Non teme l’invecchiamento e racconta in un’intervista per Allure di aver vissuto il periodo migliore nei suoi 40 anni, dopo un periodo complicato.

Mi piace il mio corpo, come non mai…” svela Sharon Stone. È davvero grata del suo corpo. Quando era più giovane, tutti le dicevano cosa c’era che non andava. Quando ottenne la parte nel film con Michael Douglas ingaggiarono una make-up artist che, ogni giorno, la riempiva di chili di trucco. Lei tornava nella sua roulotte e se lo toglieva.

I 40 anni l’età più bella

Sharon Stone si sente molto più a suo agio ora, compiuti i 61 anni, e non prima quando tutti la guardavano dalla testa ai piedi per scoprire piccole imperfezioni. La sua età preferita sono stati i 40 anni, giudicati bellissimi. Non riusciva a togliersi soddisfazioni in ambito professionale, poiché le donne, una volta arrivate a quell’età, non ottenevano parti nell’industria cinematografica. Era mamma di tre bambini stupendi e si stava rimettendo in sesto dal brutto aneurisma che l’aveva colpita.

Nonostante il brutto spavento, la diva di Hollywood ricorda con nostalgia quell’epoca, in quanto per lei la vita è decisamente migliorata. Allora c’era qualcosa di meraviglioso in tutte quelle sfide e, anche se nessuno desiderava uscire con lei in quanto donna con bambini piccoli, è stato un periodo di riconciliazione e autocomprensione. Per lei è stato il periodo di maggiore cambiamento, in cui si sentiva, indipendentemente da quel che succedeva, bellissima.

Sharon Stone: gli esordi cinematografici

Gli esordi nel mondo del cinema di Sharon Stone risalgono ad inizio anni 80. Compare in Stardust Memories, pellicola proiettata nella 1980 con Woody Allen regista. Ma la fama mondiale la travolge nel 1992 con Basic Instinct, dove interpretava Catherine Tramell. Il seducente accavallamento di gambe in un interrogatorio è una scena ancora oggi ricordata tra i cinefili.

Da quel momento in avanti è partita la scalata verso il successo, tra Emmy e Golden Globe, conquistato, ad esempio, per Casinò di Martin Scorsese, nel 1995. A ripensarci, pensa sia stata molto fortunata. Tante donne, celebri ben prima di lei, sono state particolarmente buone nei suoi confronti. Faye Dunaway e Shirley MacLaine le hanno riservato un prezioso suggerimento: di godersi ogni minuto, non durando per sempre.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!