Bono difende Spotify, Taylor Swift non è d’accordo

Taylor Swift non è la più grande fan dei servizi di musica in streaming come Spotify, ma il frontman degli U2 Bono sostiene apertamente le nuove tecnologie.

Parlando in occasione del Dublin Web Summit, Bono ha anche descritto la tecnologia start-up oer i nuovi gruppi rock.

Una delle cose che amo del summit è tutta questa gente mi ricordano di essere in una band. Lo stesso tipo di persone che sarebbero in band ora formano start-up“, ha detto Bono.

Il cantante ha chiesto una maggiore trasparenza nel mondo della musica in modo che il passaggio a servizi di streaming come Spotify potrebbe “avere successo e mettere radici“, sostenendo che il vero problema sono le case discografiche che hanno perso il 70 per cento dei ricavi.

Il vero nemico non è tra i download digitali o lo streaming. Il vero nemico, la vera lotta è tra opacità e trasparenza” ha dichiarato a The Guardian.

Il business della musica storicamente si è basata sull’inganno. Ma se cambiamo un po’ le persone possono effettivamente avere accesso alle informazioni sulle persone che sono mentre li ascoltava, pagare direttamente…Penso che i pagamenti saranno cambiare qualcosa.

I suoi commenti sono stati fatti dopo che la cantautrice Taylor Swift rimosse la sua musica da Spotify, dopo l’uscita del suo nuovo album del 1989.taylor

Parlando con Yahoo, la Swift ha descritto Spotify come “un grande esperimento” che non era interessata a sostenere.

Io non sono disposta a contribuire il lavoro della mia vita ad un esperimento che non compensa gli scrittori, i produttori, gli artisti i e creatori di questa musica“, ha detto. «E io non sono d’accordo con il perpetuare della percezione che la musica non ha alcun valore e dovrebbe essere libera.”

Nel polo opposto, le nuove canzoni dell’album degli U2 Songs of Innocence è stato scaricato automaticamente sul mezzo miliardo di account di iTunes in tutto il mondo nel mese di settembre, causando una reazione e costringendo Bono a chiedere scusa.

Bono ha detto che l’album aveva raggiunto il maggior numero di persone in tre settimane come il classico The Joshua Tree del 1987ha fatto in 30 anni, ma ha detto che non avrebbe più fatto la stessa mossa.

Non so se farò mai una cosa del genere di nuovo. Capisco che non è qualcosa che si può ripetere“, ha detto Bono.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!