‘Per 2 anni mi hanno tolto vetri dalla faccia’: Paola Turci racconta a Mara Venier il drammatico incidente

Paola Turci ospite a Domenica In

In occasione della sua ospitata odierna a Domenica In, Paola Turci tornerà a parlare del tragico incidente che, una mattina di 16 anni fa, le cambiò la vita per sempre. Prima di recarsi da Mara Venier, l’ex professoressa di canto di Amici di Maria De Filippi aveva rilasciato un’intervista a Domenica Live di Barbara D’Urso. In quell’occasione la donna confidò:

“Stavo andando dalla Sicilia alla Campania perché dovevo fare un concerto, guidavo io. Il mio manager era stanco quindi mi sono messa al volante. Non ero molto inquadrata, allora. Ero in un momento molto infelice della mia vita, ma mi sentivo onnipotente, invincibile”.

Il terribile incidente dopo un concerto 

Ad un tratto, però, nei pressi di Torano, un comune in provincia di Cosenza (sulla Salerno-Reggio Calabria), l’automobile inizio a sbandare.

“Il telefono si spegneva spesso, quindi ho guardato la presa, che era staccata, ho provato a rimetterla, e invece che guardare la strada mi sono distratta. Il mio tour manager ha urlato: ‘Attenta!’,

ha raccontato la cantante. Nell’impatto col guardrail la donna ha gli occhi e lì è successo tutto, il veicolo si è accartocciato, e poi ha cappottato.

“Mi sentivo tutta la faccia aperta, come il telefono della doccia, quando esce l’acqua. Poi mi hanno tirata fuori. Lì c’era il delirio, tutte le cartoline con il mio nome e cognome, che erano in auto, si sono sparse sulla strada”,

ha ricordato la cantante.

Il calvario di Paola Turci dopo l’incidente stradale

Nel corso della lunga intervista Paola Turci ha ricordato anche il lungo calvario dentro e fuori dall’ospedale per tornare alla normalità:

“Per due anni mi sono usciti vetri dalla faccia, mi autodefinivo ‘la vetraia’. Ho avuto tredici operazioni, dodici solo nell’occhio e una sulla guancia, oltre cento punti. E parliamo solo di un pezzetto di viso”.

Sicuramente la Turci ne parlerà anche oggi durante la sua ospitata nello storico contenitore domenicale di Rai Uno.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!
Calogero Latino: Non c’è niente di speciale nella scrittura. Devi solo sederti davanti alla macchina da scrivere e metterti a sanguinare. (Ernest Hemingway)