Serena Autieri parla della sua priorità nella vita

Serena Autieri

Si dichiara ormai un’altra donna

L’attrice napoletana parla attraverso un famoso settimanale e dichiara nell’intervista di avere una sola priorità oggi. Il suo tutto si chiama Giulia, parla di sua figlia, nata dall’amore che la lega al manager Enrico Griselli, suo marito dal 2010.

La maternità stravolge la vita di ogni donna e anche per Serena è così. Si sente cambiata, la sua vita non esiste più, esiste un amore incondizionato, perché esiste prima sua figlia. Preferisce mettere la famiglia al primo posto e rinuncia al tempo da dedicare solo a se stessa per godersi la routine quotidiana. Si descrive come una mamma molto severa, soprattutto sulla studio, tiene sia alla scuola che agli impegni sportivi. Da genitore impone una certa disciplina.

La sintonia è la chiave di tutto

Serena Autieri parla di come stimola sua figlia, riesce a incitarla anche se è stanca dopo la ginnastica artistica, non mancano canto e pianoforte. Sua figlia, che ha sei anni, ha davvero tanti impegni e la aiuta a fare sacrifici per i suoi obiettivi futuri.

L’attrice specifica che la sua non è la classica famiglia perfetta stile Mulino Bianco ma grazie al dialogo trova la sintonia giusta in ogni confronto. Serena Autieri è soddisfatta della sua vita, si sente fortunata e ama quello che fa. La bella quarantatreenne ama la recitazione e ha un amore forte anche per il canto, la sua voce le sta regalando soddisfazioni.

La voce italiana di Elsa di “Frozen” è proprio la sua, a breve ci sarà “Frozen 2”. Le piace il fatto che la sua voce sia riconosciuta dal pubblico nel doppiaggio. Presto sarà in tv con Flavio Insinna.

Una donna tuttofare

 Serena è famosa per fiction, soap opera, teatro e tv. I suoi ultimi film sono stati con Alessandro Siani e Vincenzo Salemme. Trasmette tanto dal punto di vista professionale e trasmette i valori, la tenacia e la caparbietà anche a sua figlia. La piccola avrà tanta strada da fare, per adesso nel cuore dell’attrice ha già scalato tutte le posizioni.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!