Pessime abitudini che possono rovinare la pelle

Abitudini che possono rovinare la pelle

Come rovinare la pelle
Evitare di rovinare la pelle

Ciao a tutti cari amici e care amiche e ben tornati nella rubrica di Pandanews!

Argomento del post: le pessime abitudini che possono rovinare la pelle!

Dopo aver parlato, qualche post fa, delle pessime abitudini che rovinano silenziosamente la nostra salute, concentriamoci adesso su quelle abitudini che, altrettanto silenziosamente, rovinano la nostra pelle.

  • Non struccarsi prima di andare a letto: un’abitudine davvero pessima! Ok, magari ci sono sere in cui rientriamo tardi a casa e non abbiamo voglia di lavarci e struccarci accuratamente il viso, in questi casi tenete sempre a portata di mano delle salviette struccanti, 2 o 3 strofinate ed il gioco è fatto, ma la pelle deve sempre poter respirare mentre si dorme!
  • Non lavare mai i pennelli per il trucco: lo so, lo sporco c’è ma non si vede, soprattutto se i pennelli hanno le setole scure, ma attenzione, perché a lungo andare la sporcizia si accumulerà e andrà a intossicare la pelle, per questo è sempre meglio lavare i pennelli almeno 1 volta al mese, nel caso in cui ne faceste largo uso!
  • Conservare troppo a lungo i prodotti cosmetici: esattamente come succede con gli alimenti, anche i trucchi e le creme hanno una scadenza, la quale spesso non viene riportata sulle confezioni. Esempio: il mascara, nonostante duri piuttosto a lungo, può diventare nocivo e acido dopo un po’, per questo, se lo utilizzate tutti i giorni, cambiatelo almeno una volta ogni 2 o 3 mesi!
  • Tenere i prodotti per il viso in bagno: chiaramente noi dove andiamo a mettere i nostri prodotti di bellezza? Nell’armadietto del bagno o sul lavandino o comunque a portata di mano, ma sempre in bagno. Bene, sbagliatissimo! Essendo prodotti cremosi devono essere conservati in luoghi freschi ed asciutti, lontani dalla luce, dal caldo e dalle muffe.
  • Non usare il primer: ci vogliono pochi secondi per stenderne uno strato ed è essenziale per la salute e l’opacità della pelle e per realizzare un trucco che duri più a lungo.
  • Non lavare a sufficienza il viso: la salviettina ed il detergente non potranno mai sostituire un lavaggio approfondito del viso con l’acqua fresca. È consigliabile farlo al mattino appena svegli e la sera prima di andare a dormire.
  • Schiacciare brufoli e punti neri: per molte di noi è una vera e propria dipendenza, e io ammetto di essere una di quelle, ma è la cosa peggiore che si possa fare. Prima di tutto diventa poco estetico e seconda cosa ciò che fuoriesce, inevitabilmente va a spargersi sul resto della pelle, disseminando terreno per la formazione di altri punti neri. È come la semina, anzi no, come le patatine, uno tira l’altro!
  • Non idratare la pelle: sbagliatissimo! La pelle ha bisogno di essere trattata e sempre idratata!
  • Non utilizzare la protezione solare: come negarlo, fare la prima puntatina estiva in spiaggia è sempre un trauma, visto il pallidume accumulato durante l’inverno (dicesi anche sbiadimento post-vacanze), ma è fondamentale procedere per gradi se si vogliono evitare ustioni, spellature e notti insonne! In questo caso non vale la regola “chi bella vuole apparire un poco deve soffrire” perché la carnagione da aragosta…non è bella donne!
Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!