‘Con lui? Solo una bottarella e…’: Patty Pravo, arriva la confessione imbarazzante

Patty Pravo

Patty Pravo ospite a Domenica In di Mara Venier

Ieri pomeriggio fra i tanti ospiti a Domenica In, Mara Venier intervisterà la grande Patty Pravo. Quest’ultima, però, giorni fa, attraverso il Corriere della Sera, ha fatto delle rivelazioni bollenti.

Oltre a parlare della sua vita professionale e privata, l’artista ha confessato alcuni aneddoti particolari come: la trigamia, i sei mariti e l’uso di sostanze stupefacenti. Come si evince, questi sono solo una parte di rivelazioni che la donna ha fatta, parole che hanno lasciato tutti i suoi fan a bocca aperta.

L’intervista al Corriere della Sera

Intervistata dal Corriere della Sera, Patty Pravo ha raccontato alcuni passi emozionanti della sua vita artistica e personale. Oltre a parlare degli anni vissuti in conservatorio, ha rivelato quando si è recata a Londra per imparare l’inglese. Poi l’arrivo a Roma dove ha conosciuto Gianni Boncompagni che le ha scritto la canzone ‘Ragazzo triste’.

“A tre anni dall’esordio, avevo già uno show in tv col mio nome. Ero ricca da schifo, infatti i soldi non li ho mai considerati e avrei fatto meglio a conservarne di più. Ma lavoravo tanto: ero abituata, venendo dal conservatorio. Ero diplomata direttore d’orchestra, perciò mi era facile comandare una band. Gordon Fagetter, sarà il mio primo marito”,

ha dichiarato la cantante. Quest’ultima, inoltre, ha detto che le sarebbe piaciuto avere un figlio, ma essendo sempre in giro si sono promessi di non farne.

I sei mariti e l’esperienza in carcere e la droga

Il secondo marito di Patty Pravo è stato Franco Baldieri:

“Abbiamo passato la notte insieme, scoperto di essere anime uguali e, la mattina, ho messo la pelliccia sul pigiama e siamo andati in Campidoglio a sposarci. È durata poco”.

Poi conobbe Riccardo Fogli, ma anche Paul Martinez e un altro bel ragazzo che suonava la chitarra, Paul Jeffrey.

“Amarci in tre fu naturale. Abbiamo anche abitato insieme a Roma”.

Nella lunga intervista per il Corriere della Sera, la cantante ha parlato dell’esperienza in carcere e dell’uso di droghe:

“A Rebibbia, nel 1992, ci sono stata tre giorni per droga, rilasciata con tante scuse perché cercavano cocaina, ma io, se c’è una cosa che non ho mai preso è la coca”.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!