Flavio Insinna, la malattia e la battaglia per uscirne: il dramma del conduttore de L’Eredità

Flavio Insinna

Il dramma di Flavio Insinna

Da un paio di anni Flavio Insinna è alla guida de L’Eredità, il game show del preserale di Rai Uno.

Nonostante le varie lamentele da parte di alcuni telespettatori per la vicenda Affari Tuoi, i vertici di Viale Mazzini hanno designato lui come erede del compianto Fabrizio Frizzi. In una recente intervista, l’attore romano ha fatto delle confessioni sul suo passato, parlando di una patologia che lo ha colpito: la depressione.

Le confessioni del conduttore de L’Eredità

Oltre alla guida de L’Eredità, tutte le sere alle 18:50 su Rai Uno, Flavio Insinna per il momento è impegnato anche col suo spettacolo teatrale in giro per l’Italia. Ma non è finita qui visto che da una settimana è ripartito anche Prodigi, presentato dall’artista capitolino al fianco della collega Serena Autieri.

Come accennato prima, l’ex Carabiniere di Don Matteo ha rilasciato un’intervista parlando degli anni difficili che ha vissuto quando era più giovane. In poche parole il 54enne ha dovuto fare i conti con la depressione. Un periodo difficile che è riuscito a superare grazie all’intervento di suo padre che è un medico.

Le parole di Flavio Insinna sulla sua depressione 

In un’intervista televisiva, il conduttore de L’Eredità Flavio Insinna ha confessato di aver dovuto fare i conti con questa patologia:

“SONO STATO DEPRESSO, MIO PADRE MI HA FATTO CURARE E UN PO’ NE SONO USCITO E UN PO’ NO”.

Poi l’attore capitolino ha aggiunto anche questo:

“C’È CHI DICE CHE SE HAI IL GRAFFIO NELL’ANIMA O FAI LO PSICANALISTA O FAI L’ATTORE. IO OGGI MI VOGLIO SICURAMENTE PIÙ BENE E HO IMPARATO A SORRIDERE SEMPRE ANCHE SENZA UN MOTIVO VERO PER ESSERE FELICE!”.

Per fortuna ora l’artista capitolino sta bene ed è felicemente fidanzato con un’ex concorrente di Affari Tuoi. Ricordiamo che dopo aver sfidato per alcuni mesi Caduta Libera di Gerry Scotti, da lunedì prossimo Insinna se la vedrà con Conto alla Rovescia. Batterà anche quest’ultimo?

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!