‘Al micio piace la topa…’: Naike Rivelli senza freni, la zampa del gatto sulle sue parti intime. E’ polemica sul web [FOTO]

Naike Rivelli
Naike Rivelli

La nuova provocazione di Naike Rivelli su IG

Dopo un paio di giorni di inattività sui social, Naike Rivelli è tornata alla grande. La modella, infatti, ha condiviso due nuovi contenuti che hanno scatenato nuovamente una serie di polemiche.

In un video ha coinvolto anche la madre Ornella Muti che, in una stanza d’albero ha fatto la caricatura di Barbara D’Urso. Sempre col sottofondo della siglia di Live Non è la D’Urso, la nota attrice si è seduta sul letto e alzando la gonna ha imitato la conduttrice napoletana.

A quel punto la figlia le ha chiesto se per caso vuole ricevere la diffida da parte della diretta interessata. La risposta dell’artista è stata epica. Ma non è finita qui visto che la Rivelli ha messo in scena una nuova provocazione. Andiamo a vedere cosa è accaduto.

Naike Rivelli coinvolge un gatto per una foto bollente

Dopo aver coinvolto un bellissimo gatto persiano nero in una sua precedente foto dove si mostrava nuda, ieri Naike Rivelli ha deciso di chiedere la collaborazione di un altro felino domestico.

Ebbene sì, la figlia di Ornella Muti ha provocato tutti i suoi follower mostrando su Instagram in primo piano la sua parte intima coperta per fortuna dagli slip e dalle gambe magicamente è spuntata una zampina di un gatto. Quest’ultima è andata a toccare precisamente proprio lì. E’ stato fatto volutamente? (Continua dopo il post)

Le reazioni negative del popolo del web

Se le altre volte gli utenti web hanno ironizzato le iniziative di Naike Rivelli, in questa occasioni in molti si sono indignati per lei. Infatti sotto alla foto in questione sono apparsi tantissime critiche e commenti negativi.

In poche parole gli internauti le hanno scritto che in questo caso ha superato ogni limite della decenza e che prima o poi verrà bannata da Instagram. Resta il fatto che la diretta interessata non replica mai alle accuse che le vengono rivolte.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!