I “Maledetti Francesi” di Giangilberto Monti inaugurano Casa Doc per la Milano Music Week 2019 – Casa degli Artisti

Giangilberto Monti e Ottavia Marini
Giangilberto Monti, accompagnato dalla voce e dal pianoforte di Ottavia Marini

Martedì 19 novembre al via l’intensa programmazione di Casa Doc alla Casa degli Artisti per la Milano Music Week 2019.

Si parte con l’appuntamento clou di domani: la presentazione del disco Maledetti Francesi con l’esibizione live di Giangilberto Monti

Milano, 18 novembre 2019_Tutto pronto per l’inaugurazione di Casa Doc, presso la Casa degli Artisti (via Tommaso da Cazzaniga 89/A), nell’ambito della Milano Music Week 2019. I primi appuntamenti saranno domani, martedì 19 novembre.

L’evento clou della prima giornata sarà, alle ore 18.30, la presentazione di Maledetti francesi, il nuovo album (Freecom Music) di Giangilberto Monti, accompagnato dalla voce e dal pianoforte di Ottavia Marini.

Ispirato all’omonimo successo editoriale del 2018 (Miraggi), inserito da Gianni Mura su Repubblica tra i libri da ricordare e da Antonio D’Orrico considerato “imperdibile” sul Corriere della Sera, è il primo disco italiano a vantare il patronage dell’Institut Français.

L’Istituto ha inserito nel suo programma anche la mostra “Paris Canaille”, impreziosita dalle immagini curate da Jean-Luc Stote, già inaugurata la settimana scorsa e visitabile fino al 20 dicembre a palazzo delle Stelline (Corso Magenta, 63), e una serata dedicata alla canzone francese interpretata dallo chansonnier milanese con Ottavia Marini (19 dicembre).

La giornata sarà aperta, alle ore 11, da “Moltiplica la musica”, tavola rotonda sugli esiti della ricerca condotta dalla Fondazione Centro Studi Doc sul lavoro irregolare nel settore musicale, un sommerso che si aggira tra 1,8 miliardi e 2,7 miliardi di euro. L’evento segnerà la fine di una call to action che ha raccolto proposte da tutta Italia per combattere il fenomeno. http://www.centrostudidoc.org/2019/10/17/call-to-action:-proposte-per-far-emergere-i-musicisti-nascosti/.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!