‘Ti spacco la faccia…’: paura a Striscia la Notizia, la minaccia allo storico inviato del tg satirico [FOTO]

Striscia la Notizia

Nuova minaccia per Vittorio Brumotti di Striscia la Notizia

Ancora una volta Vittorio Brumotti di Striscia la Notizia è stato brutalmente minacciato mentre si stava occupando dello spaccio di sostanze stupefacenti nei pressi della stazione di Venezia Mestre. Lo storico inviato del tg satirico di Antonio Ricci è tornato nella città lagunare che ultimamente è stata coinvolta dalle alte maree, per documentare la situazione di degrado che si vive nel quartiere in terra ferma.

“Ci sono talmente tanti spacciatori che sembra di essere dentro a un videogioco”,

ha dichiarato il biker che, grazie agli operatori che lo affiancano hanno ripreso la situazione sia di notte sia di giorno, mostrando la facilità con cui si viene adescati dai pusher.

“Mestre è invasa dagli spacciatori, la situazione è drammatica”,

ha ribadito l’inviato di Striscia la Notizia. Tra un inseguimento e una tentata aggressione, poi l’uomo è stato ancora una volta minacciato da un cittadino italiano.

“Ti spacco la faccia”,

ha dichiarato un ragazzo che sembrerebbe schierarsi con gli spacciatori presenti nel quartiere di Venezia Mestre. (Continua dopo la foto)

Striscia la Notizia

Il servizio di Vittorio Brumotti a Venezia Mestre

Dopo i servizi realizzati a Verona e Vicenza con tanto d’aggressione, Vittorio Brumotti è tornato in Veneto ad indagare sulle piazze dello spaccio. Nel servizio andato in onda ieri sera a Striscia la Notizia, abbiamo visto cosa accade a Mestre.

“Nella via adiacente alla stazione di notte gli spacciatori sono talmente tanti che pare di essere dentro ad un videogioco. Passa qualche minuto e subito veniamo adescati da alcuni di loro che tirano fuori dosi di cocaina dalla bocca. Mestre è invasa dagli spacciatori, la situazione è davvero drammatica”,

ha dichiarato l’inviato del tg satirico di Canale 5. Lui e la sua troupe sono stati adescati da un altro spacciatore che li porta nel sottopasso che collega Mestre a Marghera. A quel punto il pusher ha cercato di aggredire il cameraman ma è stato fermato dall’arrivo della pattuglia della Polizia che lo porta in caserma.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!
Calogero Latino: Non c’è niente di speciale nella scrittura. Devi solo sederti davanti alla macchina da scrivere e metterti a sanguinare. (Ernest Hemingway)