Fast food e sporcizia
Scomode verità sui fast food
Svelate le brutte verità riguardanti i fast food

Parliamo di Fast food, del modo di mangiare, mangiare quella tipologia di cibo comoda da consumare e apparentemente, soddisfacente.

Vi siete mai chiesti perché, dopo un pasto da Mc Donald’s o al Burger King o in qualsiasi altra catena di fast food, dopo nemmeno 2 ore vi torni la fame? La risposta è semplice, perché all’interno di questi cibi vengono inserite delle sostanze chimiche che inibiscono momentaneamente la fame, per poi farla tornare poco dopo aver consumato i prodotti. Anche questa è una strategia di marketing.

Rivolgo queste rivelazioni, perdonate il gioco di parole, a tutti voi, ma soprattutto ai genitori dei bambini più piccoli e maggiormente attirati dall’incredibile mondo colorato e giocoso delle migliori catene di fast food, per questo voglio svelarvi 5 verità molto scomode.

  1. La regola dei 5 secondi: se il cibo cade per terra e l’inserviente è abbastanza veloce per raccoglierlo entro 5 secondi, può essere tranquillamente servito al consumatore. Già a questo punto un brivido di orrore percorre la schiena, ma sappiate che non tutti rispettano questa “regola”, il cliente mica vede se il suo hamburger è rimasto per terra 5, 30 o 60 secondi.
  2. Sputacchi nel cibo: chi lavora nei fast food l’ha confermato. Alla luce del fatto che il cliente non può vedere cosa accade al proprio cibo prima che gli venga servito, l’inserviente, se ha le balle girate, tende a sputare nel cibo. Omg.
  3. Ideali per il traffico di droga: se pensavate che queste cose accadessero sono nei film, beh, vi sbagliavate di grosso. Sin dagli albori luoghi affollati come i fast food sono l’ideale per il traffico di sostanze e oggetti illegali, complice la confusione e la distrazione della gente.
  4. Vendette servite a freddo: il ricambio del personale all’interno dei fast food è talmente repentino che chi perde il posto di lavoro ha tutto il tempo per pianificare una vendetta diabolica nei confronti del titolare. Conosce gli orari, gli spostamenti e i punti deboli del suo ex posto di lavoro e può colpire con estrema facilità.
  5. Panino e batteri: non è una novità che i fast food siano i luoghi più sporchi al mondo. Spesso lo sporco c’è, ma non si vede. Per capire la cura e l’attenzione al cliente basta guardare il bagno: qualunque cuoco esperto direbbe: per capire quanto sia curata la cucina, basta guardare il bagno.

Fine.

Fine della ramanzina, se così può essere definita.

Sarò onesta con voi, non avevo mai fatto troppo caso a queste cose, prima di venirne a conoscenza, anche se ho smesso di frequentare i fast food ormai da anni e ora di una cosa sono certa, se mi verrà voglia hamburger e patatine come si deve me ne andrò in una hamburgheria.

Volete sapere quali sono le migliori hamburgherie d’Italia? Cliccate qui.

Un saluto a tutti da Pandanews!

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!