Una storia da cantare: memorabile omaggio a Lucio Dalla

Lucio Dalla

Anche la seconda puntata di Una storia da cantare ha garantito uno show a dir poco impeccabile all’insegna della buona musica, omaggiando dopo Fabrizio De André un’altra grande icona della canzone italiana: Lucio Dalla. Il celebre cantautore bolognese ci ha lasciato nel 2012 a causa di un infarto. Sebbene la sua vita terrena sia terminata da oramai 7 anni, la sua leggenda non morirà mai. Qualcuno sui social ha lasciato un bellissimo ricordo in onore all’artista:

“È morto dopo aver fatto ciò che più amava fare”

Una storia da cantare: omaggio a Lucio Dalla

Seconda puntata di Una storia da cantare quella andata in onda lo scorso 23 novembre. Bianca Guaccero ed Enrico Ruggeri hanno ricordato l’indimenticabile Lucio Dalla cantando alcune canzoni del suo repertorio e tramite le testimonianze di amici e colleghi del cantautore, facendo emergere alcuni dettagli poco conosciuti della vita e del carattere di Lucio.

Lo show è si è svolto presso l’Auditorium di Napoli, proponendo una scaletta di ospiti davvero esclusiva. Una serata forse un po’ più sottotono rispetto alla prima dedicata al grande Faber, ma comunque davvero degno di nota.

Tra i vari ospiti è d’uopo menzionare Ron che per ricordare il “suo” Lucio Dalla ha cantato il brano “Cara”. È poi toccato al Volo, che si è esibito in un duetto virtuale con lo stesso cantante bolognese in “Caruso”.

Quest’ultima è stata l’esibizione più votata sui social. Intervenuti nel corso della serata nomi del calibro di Gigi Proietti, Renzo Arbore, Serena Rossi, Francesco Gabbani, Fabrizio Moro, Nina Zilli, Patty Pravo, Noemi, Ghemon e Stefano Fresi. Bianca Guaccero ha in seguito raccontato un episodio inedito della sua infanzia legato allo stesso Lucio, esibendosi in un brano dell’artista.

La puntata si è chiusa con Enrico Ruggeri che ha cantato “Una storia da cantare”. Il duo di presentatori è stato inabissato da applausi e consensi da parte del pubblico. Anche nella seconda puntata, Una storia da cantare si conferma come programma di successo. Secondo quanto riportato da Super Guida TV, lo show ha generato una media di 3.439.000 spettatori pari al 17.3% di share.

Una parte dello show davvero commovente è stato senza dubbio il monologo di Stefano Fresi, probabilmente uno dei momenti più emozionanti della serata che ha scaldato i cuori dei telespettatori. L’attore, riferendosi a Lucio Dalla, ha dichiarato:

“Tra le tante manie che avevo da piccolo era quello di stare ore ed ore affacciato a quello squarcio di cielo che era la finestra di casa mia … Mi davano fastidio i parenti, mi rivolgevano sempre le stesse domande. Mi chiedevano cosa volessi fare da grande … Una volta mia madre tentò di modificarmi, con uno studente di medicina che anzinchè farmi crescere mi fece diventare peloso come un giovane orango … Ho cambiato tante cose, ma tutte avevano uno straccio di cielo … È da quegli squarci di cielo che vi ascolterò in alto. È da lì in alto, fin quando ci sarà una finestra, il mio cuore continuerà a cantare”

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!