Anna Falchi e Max Biaggi, spunta la verità: ecco perché all’epoca si sono lasciati

Anna e Max

Anna Falchi parla dei suo ex a Vieni da me

Dal lunedì al venerdì alle 14 su Rai Uno va in onda Vieni da me, il talk show condotto da Caterina Balivo, nel quale vengono raccontate le vite e le storie dei vip e sportivi. Qualche giorno fa ospite di una puntata era la bella Anna Falchi.

La soubrette e attrice, è tornata sul piccolo schermo dopo un lungo tempo d’assenza. La donna ha raccontato le tappe della sua carriera artistica e della sua vita privata, tra cui ha emozionato tutti i suoi ex. Ma andiamo a vedere nello specifico cosa era successo fra i due.

La storia d’amore fra Anna Falchi e Max Biaggi

La 47enne Anna Falchi, ospite a Vieni da me di Caterina Balivo, ha raccontato la sua storia parlando anche delle numerose relazioni che l’hanno hanno legata ad alcuni personaggi dello spettacolo. Ricordiamo, ad esempio lo showman siciliano Rosario Fiorello, Max Biaggi e Stefano Ricucci.

Queste sono le relazioni sentimentali più famose della Falchi che hanno fatto parlare molto tra gli Anni Novanta e Duemila. La prima è quella con l’ex pilota, mentre la seconda con il conduttore di Viva RaiPlay, con il quale ha avuto una storia dal 1994 al 1996.

“Ho ancora il numero di Max Biaggi, siamo rimasti amici. Ci sentiamo due volte l’anno, c’è sempre un rapporto scherzoso. Mi sta molto a cuore”,

ha dichiarato la donna nel programma pomeridiano di Rai Uno.

Le ragioni della separazione

Quella tra Anna Falchi e Max Biaggi è stata una meravigliosa storia d’amore. Poi ad n tratto tutto è finito e ognuno ha preso la propria strada. La nota attrice oggi è mamma di Alyssa, nata dalla relazione sentimentale con Denny Montesi a cui è ancora molto legata. Lui, invece si era fidanzato per lungo tempo con la cantante sarda Bianca Atzei. Ma anche la loro storia d’amore è naufragata e lei non sa spiegarsi il perché.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!
Calogero Latino: Non c’è niente di speciale nella scrittura. Devi solo sederti davanti alla macchina da scrivere e metterti a sanguinare. (Ernest Hemingway)