Avete mai visto dove vive Tiberio Timperi? Una casa super ordinata al centro di Roma [FOTO]

Tiberio Timperi

Tiberio Timperi alla guida di UnoMattina in Famiglia

L’anno scorso era alla guida de La vita in diretta al fianco di Francesca Filadini, il conduttore romano Tiberio Timperi è tornato a condurre UnoMattina in Famiglia. Questa volta, però, in compagnia della giornalista pugliese Monica Setta. Spesso l’artista di casa Rai pubblica sui social angoli della sua casa. Dove abita Timperi e com’è la sua abitazione?

Il suo appartamento romano

Tiberio Timperi vive nella Capitale, in un appartamento cui si accede da un portone verde. Varcata quella soglia si entra in una casa il cui colore predominante è il bianco. All’entrata un’ampia porta finestra dà la possibilità di fare entrare la luce del sole. Anni fa Benedetta Parodi ha mostrato alcuni scorci, sorprendendo i telespettatori con un design inatteso.

Oltre al bianco, l’appartamento romano ha delle tonalità sul grigio. Nell’abitazione di Timperi è vietato entrare senza un paio di ciabatte, o scalzi. Il presentatore afferma che in questo modo entrino batteri e sporcizia. Il pavimento è formato da un parquet ed è presente una grande sala.

Ci sono molti quadri sui muri, una lampada sul tavolo della zona living e un tavolo in vetro circondato da sedie di legno. Nella camera è presente una libreria che contiene ricordi e oggetti dell’infanzia, tra dischi e libri. (Continua dopo le foto)

La cucina di Tiberio Timperi

Chi segue Tiberio Timperi sa perfettamente che quest’ultimo ama follemente mangiare e stare ai fornelli. Si diletta a cucinare, e uno dei suoi piatti forti è la pasta. Ha imparato trucchi e ricette dalla madre, infatti quest’ultima gli ha sempre preparato delle ottime pietanze.

La cucina del conduttore Rai è lineare total e tutta bianca, e di fronte si trova un grande frigorifero grigio che accoglie la mega collezione di magneti di ogni tipo.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!
Calogero Latino: Non c’è niente di speciale nella scrittura. Devi solo sederti davanti alla macchina da scrivere e metterti a sanguinare. (Ernest Hemingway)