‘E’ morta di chemio e non di cancro…’: Nadia Toffa, arriva le pesante accusa di un hater [FOTO]

L'altro video di Nadia Tioffa

La madre di Nadia Toffa ospite a Mattino 5

Stamane a Mattino 5 ospite nel salotto di Federica Panicucci era presente la signora Margherita Rebuffoni, la madre della compianta Nadia Toffa. La donna per l’ennesima volta è stata in televisione, prima a Domenica Live di Barbara D’Urso e poi a Domenica In di Mara Venier, per promuovere il libro della figlia ‘Non fate i bravi’.

Si tratta di un volume che raccoglie gli ultimi pensieri della giornalista bresciana prima della sua morte avvenuta lo scorso 13 agosto a causa di un tumore cerebrale. Decesso che per certi haters non venne provocata dal cancro ma dalle cure stesse.

Le accuse gravissime degli haters alla giornalista bresciana

E mentre la madre Margherita ricordava Nadia Toffa nello studio di Mattino 5 al fianco di Federica Panicucci, sul profilo Instagram della conduttrice de Le Iene Show sono apparsi dei commenti cattivi nei confronti di quest’ultima.

I cosiddetti leoni da tastiera sono tornati a scagliarsi contro la 40enne che purtroppo non c’è più gioendo della sua morte avvenuta la scorsa estate. Oltre a criticare l’operato della bresciana, un detrattore in particolare ha scritto che la donna non è morta a causa del tumore cerebrale, bensì per la chemioterapia.

Accuse gravissime che hanno fatto ribellare i veri follower della Toffa. Infatti si sono scagliati contro questi utenti che spesso si nascondono dietro dei profili fake. (Continua dopo la foto)

Commenti vergognosi degli haters contro Nadia Toffa

La fondazione col nome di Nadia Toffa

Ebbene sì, la grande Nadia Toffa anche se è venuta a mancare lo scorso 13 agosto continuerà a vivere, aiutando i malati. Così la madre Margherita, il padre e le sorelle hanno deciso di creare una fondazione intitolata alla giornalista bresciana. Quest’ultima sarà presentata il prossimo martedì a Palazzo Loggia.

I fondi raccolti attraverso la vendita dell’ultimo libro della 40enne, ‘Non fate i bravi’, e le donazioni, verranno devoluti all’Istituto neurologico Besta di Milano, a progetti nella Terra dei Fuochi. Ma anche al reparto ospedaliero a lei intitolato a Taranto e alla ricerca sul cancro al cervello.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!
Calogero Latino: Non c’è niente di speciale nella scrittura. Devi solo sederti davanti alla macchina da scrivere e metterti a sanguinare. (Ernest Hemingway)