Tutto sulla Legionella, la nuova infezione diffusa in Italia!

L'Istituto Superiore di sanità informa l'Italia sulla Legionella, la nuova infezione!

Legionella
L'ISS informa l'Italia sulla Legionella

Come forse avrete sentito al Telegiornale, in queste ultime settimane l’Italia e in particolare la regione Lombardia stanno fronteggiando un nuovo nemico: la Legionellosi.
La legionellosi è un’infezione polmonare provocata da un batterio chiamato Legionella, che si trasmette tramite flussi di acqua contaminata o di aereosol. A Bresso, un comune nel milanese, ci sono stati diversi casi di contagi e il malcontento si sta diffondendo tra i cittadini, unito alla preoccupazione delle organizzazioni di settore. Proprio per questo, l’Istituto Superiore di sanità ha deciso di chiarire alcuni dubbi e di informare il più possibile a proposito di questo virus. Vediamo le informazioni più rilevanti.

 

Legionella: di cosa si tratta?

La Legionella trova il suo ambiente ottimale in luoghi piuttosto umidi, come i condensatori e le tubature ed è favorito da alcune sostanze quali la ruggine e i depositi di materiali sulle superfici dei sistemi di stoccaggio e distribuzione delle acque.
La Legionella può manifestarsi in due modi: attraverso una vera e propria polmonite, che prende il nome di “febbre del legionario”, e attraverso una forma molto più blanda chiamata “febbre di Pontiac”
I principali sintomi della Legionella sono la tosse, la febbre e i brividi ma alcuni pazienti hanno avuto anche stanchezza, mal di testa, poco appetito e diarrea. Quando la malattia si manifesta sotto forma di febbre di Pontiac (quindi in maniera meno grave) non si ha una vera e propria polmonite, ma semplicemente una febbre che in pochi giorni va via. Il tutto è curato con antibiotici.

 

Legionella: la preoccupazione dell’Istituto Superiore di sanità

A preoccupare l’ISS è il possibile contagio in ambienti che racchiudono molti individui, luoghi quindi difficili da tenere sotto controllo e che hanno al loro interno un sistema di umidificazione o trattamento dell’aria: piscine, centri termali, ma anche ospedali e case di cura.
Proprio per questa preoccupazione, l’ISS ha deciso di informare il più possibile e ha raccomandato attenzione anche da parte delle istituzioni locali, comunali e provinciali.
C’è da dire anche che non tutti sono convinti della gravità della situazione e anzi, dopo l’allarmismo sull’Ebola che oggi sembra rientrato, ritengono la Legionella un’ennesimo pretesto per fare notizie e per seminare un po’ di panico generale.
D’altro canto, però, un signore ultra settantenne è morto a seguito del contagio, e i più timorosi temono che non resterà un caso isolato.
A Bresso, il comune milanese colpito dal virus, il sindaco ha rilasciato una dichiarazione piuttosto singolare, raccomandando ai suoi cittadini di “farsi la doccia ad almeno 65 gradi e di stare attenti a non scottarsi”. Parole queste che hanno infastidito gli abitanti del luogo, che si sono sentiti presi in giro e poco tutelati; vedremo ulteriori sviluppi della vicenda.

 

Per rimanere aggiornati su tutte le notizie sulla Legionella, aggiungimi su Facebook CLICCANDO QUI

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!