Emilio Fede: “Ho visto la morte. Silvio Berlusconi? Egoista”

Emilio Fede ha rischiato la vita per una brutta caduta
Emilio Fede

Emilio Fede: brutto incidente per l’ex direttore di Rete 4

Emilio Fede, storico direttore di Rete 4 e conduttore del Tg4, è rimasto coinvolto in una rovinosa caduta verso fine novembre, finendo ricoverato in ospedale per qualche giorno.

In esclusiva al settimanale Oggi ricostruisce l’accaduto e parla del rischio miracolosamente scampato, sicché si sarebbero potute verificare conseguenze ben peggiori di quelle poi effettivamente riportate. Il giornalista, 88 anni, ha temuto che la sua vita finisse per una brusca caduta della quale porta ancora evidenti segni, come certificano le foto pubblicate sulla rivista di Alfonso Signorini.

Nell’intervista ripercorre gli ultimi istanti, il panico provato tutt’ora  in tanto nella notte, prima di addormentarsi, specialmente quando è solo. Ovvero spesso, date le continue trasferte lavorative della moglie. “Ho quasi perso un occhio”, racconta Emilio Fede, visibilmente scosso.

Ha dolori ovunque, fortunatamente però è ancora pienamente cosciente. Ha battuto forte la testa, lo hanno operato al naso. È rimasto a terra per circa mezz’ora, non aveva le energie né di alzarsi né di gridare. Provvidenziale un custode, che lo ha visto e ha chiamato i soccorsi. La notte si sveglia con l’incubo di quella caduta e talvolta ha addirittura paura di addormentarsi perché teme di non svegliarsi più.

Ruby Bis

Al giornalista è stata comminata una pena di 4 anni e 7 mesi per il noto processo ‘Ruby Bis’. Secondo quanto stabilito dal tribunale, la pena va scontata agli arresti domiciliari, condizione per la quale Emilio Fede soffre. Non accetta l’idea di poter esalare il suo ultimo respiro senza aver avuto l’occasione di riprendere in mano la propria vita. Per via dei limiti imposti non riesce nemmeno a incontrare la moglie quand’è lontana da casa.

Emilio Fede e Silvio Berlusconi: la fine di una lunga amicizia

Infine, si augura che prima o poi chi ne ha infangato il nome faccia i conti con la propria coscienza. Ovvero Silvio Berlusconi, imputato nel medesimo processo, di cui Fede è stato un fedele collaboratore negli anni del suo mandato al Tg4. Nei suoi confronti la moglie del celebre giornalista, Diana De Feo, spende parole dure. A detta della donna, l’ex Premier non vuole avere grane, pensa solo per sé.

Da deputato europeo è intoccabile, detto ciò la De Feo lo considera un ingrato. Meno duro nei giudizi Emilio Fede. Passa le serate da solo, al massimo si cucina gli spaghetti. La moglie è napoletana, ha problemi di salute e non è in grado di raggiungerlo a Milano. Aveva presentato richiesta di andare per appena 48 ore a Napoli per abbracciarla e gliel’hanno respinta.