Jennifer Aniston: “Genitori crudeli. Ho passato anni in analisi”

Jennifer Aniston confessa i maltrattamenti subiti dai genitori
Jennifer Aniston

Jennifer Aniston, i genitori erano crudeli con lei da bambina: l’intervista-sfogo

Ti presento i miei… aguzzini. Se Jennifer Aniston girasse un film sulla sua infanzia sarebbe magari questo il titolo che darebbe all’opera. In un’intervista rilasciata per il magazine People, l’attrice ha raccontato di come i genitori l’abbiano cresciuta umiliandola continuamente, senza mai spronarla a rincorrere i propri sogni perché “mi ritenevano mediocre in tutto”.

Termini duri quelli usati dalla 50enne, oggi tra le star hollywoodiane più celebri e pagate, così il suo bel riscatto. Tuttavia, fino all’adolescenza mamma e papà, poco convinti sulle velleità artistiche, le paventavano una vita di fallimenti. Fortunatamente – racconta Jennifer Aniston – arrivò la serie tv Friends e con essa la consacrazione.

Critici, talvolta crudeli

Fino a quel momento i suoi sono sempre stati particolarmente critici nei suoi confronti, a tratti crudeli e del tutto avari di incoraggiamenti. Oggi a chi le ripeteva che non avrebbe mai guadagnato un centesimo come attrice, oggi direbbe di guardarla: un paio di centesimi li ha portati a casa.

La Aniston ricorda poi un episodio straziante capitatole nell’infanzia, che minò per sempre la sua autostima tanto da portarne i segni ancora oggi. Non vuole dire chi, comunque si trattava di un genitore. Quando aveva circa 11 anni, questa persona le disse che poteva alzarsi da tavola e andarsene via perché tanto non aveva nulla di interessante da dire.

Certe parole – spiega Jennifer Aniston a tal proposito – possono risultare molto dolorose per un bambino e pure oggi, 50enne, si può dire ferita. Per far capire, se come attrice si sente totalmente a proprio agio perché si mette nei panni altrui, bisognerebbe provare a vederla nella vita reale come si comporta quando si siede a un tavolo pieno di sconosciuti. Letteralmente regredisce a quel momento, a quando aveva 11 anni, e si sente ancora una persona di non valere granché.

Jennifer Aniston: madre glaciale

Come aveva già rivelato in un’altra intervista-sfogo pubblicata sul magazine Elle, è stata soprattutto la madre Nancy Dow, modella e attrice, a minarne l’autostima. Non faceva che ripeterle di doversi curare maggiormente oppure di sorridere: non le andava mai bene niente. La faceva sempre sentire sbagliata.

Solo oggi sa che non era una cattiva persona e diceva certe cose solamente perché quella era l’educazione impartitole da sua madre. Non si rendeva conto di provocarle ferie, rimarginabili a stento dopo parecchi anni e migliaia di dollari spesi in analisi.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!