Mutuo Variabile con CAP

Calcolo Rata, Mercato Immobiliare, come spesso accade l’informazione bisogna prenderla davvero con le pinzette, oggi si parla tanto di ripresa del settore ma non tutti la vedono nella stessa maniera. Infatti quando bisogna acquistare casa si ha sempre un dilemma su quale tasso scegliere e se conviene. Secondo alcune statistiche pare proprio che oggi la maggior parte degli Italiani scelga il mutuo variabile con Cap. Andiamo a vedere nei dettagli questo mutuo.

Mutuo Variabile con CAP. Come detto in precedenza uno dei più grandi dilemmi nel momento in cui un italiano deve acquistare casa è capire che mutuo scegliere. Oggi giorno il mutuo variabile con CAP costituisce per gli italiani una vera e propria soluzione, in quanto questo mutuo è in grado di mantenere il tasso più basso rispetto a quello fisso con una tutela maggiore per chi effettua il mutuo rispetto al mutuo a tasso variabile classico. Infatti proprio per questo motivo il mutuo variabile con cap sta davvero registrando una notevole crescita in richieste. Vediamo un po come funziona il Mutuo Variabile con CAP.

Questo mutuo prevede la fissazione di un limite massimo di tasso, oltre il quale la singola rata mensile non può andare, questo per il mutuante è davvero un fattore da considerare quando si accede ad un mutuo. Questo tetto è definito CAP e viene stabilito per contratto con lo scopo di offrire ai mutuatari una tutela dall’oscillazione al rialzo del tasso di interesse.

I mutui a tasso variabile con CAP sono un servizio aggiuntivo che offrono oggi giorno la maggior parte delle banche, messi a disposizione del mutuatario, solo che per fare questo mutuo bisogna pagare una cifra aggiuntiva sul totale della rata. Ma andiamo a vedere nei dettagli quali sono i vantaggi e gli svantaggi che ci offre questo mutuo variabile con cap, che in molti dicono che conviene davvero. Allora tra gli aspetti positivi possiamo segnalare la garanzia o la sicurezza che questo mutuo è in grado di dare al mutuatario. Con questo mutuo i mutuatari possono così godere di tassi più bassi rispetto al mutuo a tasso fisso, rimanendo sicuri, nello stesso tempo, che le rate non supereranno mai un determinato importo mensile grazie al contenimento dell’oscillazione verso l’alto del tasso, davvero un toccasana per chi stipula un mutuo. Tra gli svantaggi possiamo (se cosi vogliamo chiamarli) presenta un tasso di poco più alto rispetto ai mutui a tasso variabile classici, dovuto al pagamento alla banca di un piccolo extra che aumenta sostanzialmente lo spread. Quindi possiamo dire che questo mutuo variabile con cap è davvero ottimo, infatti gli svantaggi che sono stati registrati non sembrano poi tanti degli svantaggi.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!