Fabio Fazio, lo sfogo di un telespettatore: “Non rappresenta l’Italia!”

Fabio Fazio

Fabio Fazio: il divulgatore scientifico Alessandro Cecchi Paone esprime la personale opinione su Che Tempo che Fa

Fabio Fazio nuovamente sotto attacco. Come da consuetudine, il settimanale Nuovo Tv di Riccardo Signoretti ha ospitato questa settimana “La posta di Cecchi Paone” fra le proprie pagine. In sostanza, il noto divulgatore e opinionista televisivo Alessandro Cecchi Paone risponde ai lettori su programmi e celebrità pubbliche.

Nel numero mandato in stampa martedì scorso una lettera riguardava il noto volto Rai, contestato da un telespettatore. Il presentatore ligure attira spesso feroci critiche per via del cachet esorbitante corrispostogli.

Una polemica infinita, fonte di scontri pure con noti esponenti politici, e mai del tutto sedata, viste anche le recenti voci di corridoio. Quest’estate Fabio Fazio ha lasciato la rete ammiraglia per trasferirsi sul secondo canale, ma il cambiamento non ha inciso in minima parte sul compenso percepito ad ogni puntata.

Sdegno per il compenso

Proprio da qui parte una lettera spedita ad Alessandro Cecchi Paone. Nei nuovi palinsesti Che Tempo che Fa va in onda su Rai 2 nel preserale (Che Tempo che Farà) e in prima serata. Stando alle recenti indiscrezioni, la Rai paga 18 milioni di euro l’anno e Corrado da Firenze chiede se non siano troppi.

Si interroga sul perché i contribuenti debbano sostenere a suon di milioni una trasmissione fortemente sbilanciata in chiave politica e non rappresentante l’Italia. Alle parole di Corrado su Fabio Fazio, ha risposto Alessandro Cecchi Paone con garbo. Nell’ultimo numero del settimanale il giornalista condivide il ragionamento fatto in viale Mazzini: sì, il compenso corrisposto è alto, tuttavia il bilancio complessivo tra entrate ed uscite risultato lo stesso favorevole.

Che Tempo che Fa è uno dei vari programmi del servizio radiotelevisivo pubblico prodotti da società esterne e assegnate alle reti. La Rai ha spiegato alla commissione parlamentare di vigilanza le cifre pattuite nell’accordo. I vertici dirigenziali credono sia vantaggioso a livello economico per l’azienda.

Fabio Fazio troppo poco obiettivo?

Sull’altro tema scottante, la poca obiettività nelle opinioni politiche espresse durante le puntate, Cecchi Paone è dell’opinione che a una trasmissione non vada richiesto di rappresentare necessariamente la totalità del pubblico, piuttosto solo di non mischiare fatti e opinioni.

Insomma, il celebre volto di Barbara d’Urso crede sia tutto regolare, è eccessivo pretendere da un format la piena imparzialità, purché i fatti e le opinioni non vengano mischiate tra di loro.

Manuel Magarini: Per info & collaborazioni: manuel.magarini@gmail.com