‘Rischio la querela se non leggi bene…’: Striscia la Notizia, la confessione di Gerry Scotti

Gerry Scotti
Striscia la Notizia

Gerry Scotti si confessa a Tv Sorrisi e Canzoni

Da circa un anno Gerry Scotti continua ad andare in onda tutti i giorni nella fascia preserale con i geme show Caduta Libera prima, e Conto alla Rovescia ora. Ma da gennaio 2020 tornerà anche in prima serata con la nuova edizione di Chi vuol essere milionario?

Il conduttore pavese, però, di recente ha rilasciato una lunga intervista al magazine Tv Sorrisi e Canzoni parlando anche della sua esperienza a Striscia la Notizia. Andiamo a vedere nel dettaglio cosa ha confessato.

Il conduttore pavese e la sua esperienza al tg satirico Striscia la Notizia

Intervistato da Tv Sorrisi e Canzoni, Gerry Scotti ha svelato qualche segreto per essere un ottimo conduttore e parlando dei giovani che si vogliono avvicinare al suo lavoro. Poi menzionando Striscia la Notizia, il tg satirico che ha condotto per diverse stagioni, l’artista pavese ha confidato questo:

“Chi usa meno il copione dura di più. Solo a Striscia devo leggere il copione perché lì ogni parola è a rischio di querela. A Striscia la Notizia il copione è fondamentale. Devo leggerlo in continuazione perché lì ogni parola è a rischio querela. In tribunale poi ci vanno gli autori, mica io”.

Gerry Scotti parla della sua esperienza a Tu si que vales

Durante la lunga intervista per il settimanale Tv Sorrisi e Canzoni, Gerry Scotti ha parlato della sua esperienza a Tu si que vales, dove insieme a Maria De Filippi, Rudy Zerbi e Teo Mammuccari lo vede giudice. L’ultima stagione si è conclusa sabato scorso e il conduttore di Conto alla Rovescia ha confessato questo:

“Oggi uno spettacolo del sabato sera che fa gli ascolti del grande varietà di un tempo è davvero un’eccezione, credo che il segreto sia nel divertimento che ci mettiamo a farlo”.

Nel frattempo sia il programma di Antonio Ricci che il game show del preserale di Canale 5 hanno avvertito un calo d’ascolti rispetto la concorrenza.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!