Nadia Toffa aveva detto una grossa bugia sul fidanzato: la rivelazione di mamma Margherita

Intervista a Margherita, mamma di Nadia

Margherita Rebuffoni parla della bugia di Nadia Toffa

Qualche giorno fa Margherita Rebuffoni, madre di Nadia Toffa, ha rilasciato una lunga intervista al Corriere della Sera. La donna è tornata a parlare della conduttrice de Le Iene Show morta lo scorso 13 agosto a causa di un tumore cerebrale. La signora ha svelato che la figlia aveva una storia d’amore con un uomo molto dolce, ma poi lo ha allontanato appena la sua situazione è peggiorata. Ecco cosa ha confidato la donna al noto quotidiano:

“Lei non lo ammetteva, ma alla fine era molto debole. Non voleva più incontrare gli amici, per non farsi vedere ammalata. Si era innamorata di un uomo dolcissimo, ma poi aveva allontanato anche lui con la scusa che non l’accompagnava a fare la chemio e la radio: non era vero. Lui aveva capito e aveva rispettato la sua decisione”.

Vittorio Feltri ricorda la compianta Nadia Toffa a #CR4 La Repubblica delle Donne

Mentre nella serata di mercoledì Nadia Toffa è stata menzionata a #CR4 La Repubblica delle Donne, il programma di Rete 4 condotto da Piero Chiambretti. Il direttore di Libero, Vittorio Feltri, ha parlato del suo rapporto con la giornalista bresciana. Dopo le schermaglie iniziali, avendo entrambi un carattere molto forte, i due hanno trovato un punto di incontro diventando amici.

“Ci siamo conosciuti durante un’intervista che lei mi fece per un caso di cronaca. Lei era molto aggressiva nelle domande e io rispondevo con altrettanta aggressività”,

ha confessato l’uomo. Poi ha parlato del loro primo incontro e come la 40enne ha affrontato il male che purtroppo se l’è portata via:

“Ci siamo sentiti ancora dopo, diverse volte. Abbiamo fatto anche colazione assieme, donna particolarmente intelligente che ha sopportato la malattia con grande forza e coraggio. Quando uno è chiuso in camera da letto con la propria malattia, scrive della malattia perché ha voglia di sconfiggerla”.

Un rapporto umano e professionale che ha lasciato un bel ricordo al direttore di Libero.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!