Bacche di Goji, un elisir di lunga vita

Piccoli frutti rossi dal gradevole sapore dolce che nascondono grandi benefici.

Bacche di Goji, proprietà e benefici

Le bacche di Goji sono frutti rossi di un arbusto di origine tibetana, il Lycium barbarum, appartenente alla famiglia delle Solanaceae.

Anche se sono piccoli, sono considerati, nella medicina tradizionale cinese, un grande elemento essenziale proprio per il valore dei loro nutrienti.

Questi frutti, dal gradevole sapore dolce che ricorda un po’ quello del mirtillo, sono chiamati anche “frutti della longevità”, infatti le popolazioni orientali, grazie al loro stile di vita e alle loro abitudini alimentari, sono tra le più longeve del mondo e meno soggette a malattie cardiovascolari e tumori.

Le bacche di Goji sono ricchissime di sostanze nutrienti quali vitamine C ed E e minerali dalle note proprietà:

  • le vitamine del gruppo C ed E proteggono dai radicali liberi e dallo stress ossidativo (funzione antiossidante);
  • il rame, il ferro, il fosforo e il manganese aiutano a regolare il metabolismo;
  • grazie alla potente concentrazione di potassio e magnesio aiutano ad aumentare la resistenza muscolare;
  • la combinazione vincente di zinco e cromo attiva il metabolismo offrendo un valido aiuto nelle diete.

Inoltre:

  • rafforzano le difese immunitarie;
  • aiutano a regolare l’intestino;
  • supportano l’idratazione e l’elasticità della pelle.

Io le assumo giornalmente e vi assicuro che donano energia da vendere. A volte mi piace assaporarle da sole proprio perché sono molto golosa della frutta disidratata (vedi anche il mio articolo dedicato alle prugne secche), altre volte le aggiungo a dei piatti salati come l’insalata oppure dentro un infuso alle erbe, il loro sapore, dolciastro e piacevole, ti permette di non aggiungere lo zucchero nella tisana.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!