Avete mai visto la moglie di Toto Cutugno? Ecco Carla, sono inseparabili nonostante il tradimento [FOTO]

Toto Cutugno e la sua vita al fianco di Carla

Toto Cutugno è uno degli artisti più apprezzati del panorama musicale all’estero. Infatti, insieme a Pupo, i Ricchi e Poveri e Al Bano Carrisi hanno sfondato nei Paesi sovietici. Della sua carriera sappiamo tutto, un po’ meno della vita privata. Avete mai visto sua moglie. Il cantante è sposato con Carla da quasi 50 anni.

Ovviamente il loro rapporto in tutto questo tempo non è stato tutto rosa e fiori, tuttavia sono riusciti a mantenerlo saldo. In un intervista al Corriere della Sera, Cutugno ha parlato della sorella Anna, ma anche di altre sofferenze.

Ha parlato anche della malattia del fratello e l’intervento al cuore dell’altra sorella, Rosanna. Per fortuna questi drammi sono stati superati e la consorte Carla gli è stata sempre accanto. Purtroppo dalla loro unione non sono nati figli anche se Toto ne ha uno di 28 anni, Nico, venuto al mondo da una relazione extraconiugale.

Il tradimento e il perdono

Nel corso della lunga intervista al Corriere della Sera, lo stesso Toto Cutugno ha confessato di aver tradito la moglie Carla. Ovviamente è stato uno dei periodi più difficili del loro matrimonio:

“Carla poteva cacciarmi di casa e invece non l’ha fatto. La prima cosa che mi disse fu di riconoscere mio figlio e dargli il mio cognome”.

Ma l’amore della donna verso il cantante è talmente forte che oltre a perdonarlo ha spinto Cutugno ad instaurarci un rapporto, riconoscendolo come suo figlio. Oggi il giovane si è laureato in Economia e come lo stesso padre porta il suo cognome Cutugno.

Chi è Carla, moglie di Cutugno?

Sulla moglie di Toto Cutugno si hanno poche informazioni, in quanto è sempre stata una donna che non fa vita mondana, tranne in alcune circostanze. Ci si ricorda di lei per esempio durante la consegna di alcuni premi dati al marito. Ecco alcuni scatti che ritraggono Carla insieme alla sua dolce metà:

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!
Calogero Latino: Non c’è niente di speciale nella scrittura. Devi solo sederti davanti alla macchina da scrivere e metterti a sanguinare. (Ernest Hemingway)