Paolo Ruffini: “La Pupa e il Secchione? Prenderemo il trash in contropiede”

Paolo Ruffini presenta La Pupa e il Secchione
Paolo Ruffini

Paolo Ruffini presenta La Pupa e il Secchione (e viceversa): cosa aspettarsi dal rinnovato format su Italia 1

Se n’è parlato a lungo de La Pupa e il Secchione. Presto partirà su Italia 1, aggiungerà un ‘(e viceversa)’ nel titolo e verrà rinnovato pure nella conduzione. Alle pagine del settimanale Chi, Paolo Ruffini svela qualche dettaglio inedito sullo show prossimamente in onda.

In riferimento agli anni passati tra i banchi, si descrive come un ragazzo incredibilmente vivace e curioso, perché per lui il contrario dell’ignoranza non è la cultura, bensì la curiosità. E l’ignoranza è tale se crea danni, altrimenti è solamente incultura e suscita pure tenerezza, candore. “È quello che vogliamo raccontare”.

La cinematografia ha offerto enormi stimoli a Paolo Ruffini, ma non è un secchione e non ostenta. È un equivoco ritenere che sapere molte cose significhi essere intelligenti, preferisce sedersi a tavola con persone ricche di sensibilità piuttosto che di intelligenza.

Ridere “con” le persone

La conoscenza aiuta esclusivamente a sentirsi liberi, a vivere meglio, non a schiacciare il prossimo. A lezione ti spiegano L’Infinito di Giacomo Leopardi, ma non perché l’abbia scritto. Se avesse saputo che Pericle fosse alla base della democrazia, lo avrebbe studiato meglio.

Paolo Ruffini, presentatore oltre che autore della trasmissione, ha spiegato che vogliono ridere “con” le persone e non “delle” persone. È fondamentale, altrimenti costituirebbe bullismo perché se uno vedendo la fotografia del Mahatma Gandhi non sa chi sia non crede serva aggiungere altro.

Paolo Ruffini: la selezione del cast

Passando al cast selezionato, Ruffini spiega di non aver incontrato problemi nel trovare le giuste personalità da reclutare. Basta aprire Instagram per capire che non c’è stata la necessità di scegliere, se avessero puntato sugli estremi sarebbe stato inverosimile, invece ci sarà un’altissima confezione, da format USA.

Un gruppo costituito pure da vari intellettuali, i quali nelle puntate discuteranno direttamente con le pupe e i secchioni. Lui, in stile scienziato, analizzerà al microscopio questi bizzarri soggetti con differenti gradi di disadattamento.

La sfida di tale evoluzione è cogliere il trash in contropiede: riceveranno ospiti quali Alessandro Cecchi Paone, Giampiero Mughini, Aldo Busi e Barbara Aliberti. Ha tentato di aggiungerci la tenerezza, sarà tutto diverso.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!