Justin Bieber e la sindrome di Lyme: “Grazie per avermi aiutato”

Justin Bieber e la sindrome di Lyme: il cantante ringrazia Gesù per averlo salvato
Justin Bieber

Justin Bieber spiega il rapporto con la sindrome di Lyme e con la religione, riscoperta in questo periodo tanto delicato

Justin Bieber tiene duro, nella lotta contro la sindrome di Lyme diagnosticatagli qualche tempo fa, trasmessa attraverso il morso di una zecca. Recentemente ne ha discusso insieme ai sostenitori su Instagram, motivando così la propria assenza dal palcoscenico per parecchio tempo.

Sul suo conto sono uscite varie voci, pure che la pop star canadese si stesse auto-sabotando la vita e invece da poco si è potuta finalmente leggere la verità, capace di destare parecchio clamore.

L’interprete di Yummy, intervenuto su Instagram, tranquillizza gli ammiratori: il peggio se lo è ormai alle spalle e deve ringraziare il Signore. Un momento complicato, il suo, in grado di farlo avvicinare particolarmente alla religione. Nel post Justin Bieber dice grazie a Gesù per avergli indicato la via.

Grato della misericordia

Gli è grato della misericordia, della grazia di crescere, amarsi nonostante tutti gli ostacoli. Non conta cosa succede nell’esistenza, sa che il figlio di Dio è sempre misericordioso e l’amore nei suoi confronti non cambia mai, qualunque cosa egli commetta. Lo amava sin dalla nascita, ancor prima che facesse qualcosa per guadagnare o meritarlo e intende migliorare a livello umano.

Nelle scorse settimane Justin Bieber ha desiderato mettere una pietra sopra alle storie diffuse sul proprio conto, parlando della sindrome di Lyme, condivisa con altre celebrità pubbliche note nello showbiz internazionale. Mentre tante persone hanno continuato a gettargli fango addosso, a riempirlo dei peggiori insulti, a dargli del tossicodipendente, nessuno si è accorto della brutta scoperta.

Justin Bieber: il documentario di prossima uscita

Non solo Lyme comunque, Justin ha infatti riportato un grave caso di mononucleosi cronica, rea di colpirne la pelle, le funzioni cognitive, la sua energia e salute generale.

Questi retroscena inediti saranno ulteriormente spiegati in una serie di documentari, caricati su YouTube a breve riguardanti come ha combattuto il male e lo ha vinto. Ha trascorso un paio d’anni burrascosi ma ha ricevuto il giusto trattamento, capace di curare un male finora imbattibile e tornerà più forte che mai.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!