Junior Cally rischia di essere espulso da Sanremo. Chi è il rapper che sta mettendo nei guai Amadeus.

Altro colpo per il Festival: Junior Cally rischia di essere espulso da Sanremo

Testi molto spinti e un passato turbolento. Junior Cally rischia di essere espulso da Sanremo. Il rapper romano rischia di mettere, ancora una volta, nei guai il direttore artistico.

Testi che inneggiano all’alcol e alla violenza fisica. E poi un passato davvero difficile. Insomma, un rapper, ma non un concorrente del Festival. Ma non l’ha pensata così il conduttore Amadeus, che lo ha voluto fortemente sul palco dell’Ariston.

Ma adesso, Junior Cally rischia di essere espulso da Sanremo. Il suo nome finito tra i concorrenti del Festival, ha fatto anche girare i suoi testi, che hanno fatto storcere il naso a molti.

Tanto da far scomodare anche il leader della Lega Matteo Salvini, come scrive “Il Fatto Quotidiano”, che si scagliato contro uno dei testi più duri del rapper, quello della canzone “Streghe”, dove le donne del video ufficiale vengono sequestrate e torturate.

Ora sono tanti a chiedere al direttore artistico Amadeus di squalificare il rapper. Insomma, il Festival ha già fatto uno scivolone incredibile sul sessismo in conferenza stampa, nessuno vorrebbe che accadesse lo stesso durante una delle puntate.

Chi c’è dietro alla maschera: la vera storia di Junior Cally

Junior Cally, nato Antonio Signore, ha 28 anni ed è cresciuto a Focene, sul litorale laziale. Un nome note nel mondo del rap, per i suoi testi crudi e antisistema, inneggiando spesso all’odio contro le forze dell’ordine. Ha scritto anche un libro, edito da Rizzoli, dal nome “E’ meglio essere temuto che amato”, in cui parla della sua difficile adolescenza, tanto da paragonare la sua città natale a Gotham City, la città di Batman e Joker.

Ha ammesso di aver spesso abusato di diverse droghe e che spesso si trovava coinvolto in risse. Fino a quando raggiunge il punto più basso: viene arrestato per furto. Sarà lo stesso Junior Cally, l’indomani dell’uscita del suo album “Ricercato” a settembre 2019, a rivelare la notizia.

Racconterà di essere stato condannato ad 1 anno e 4 mesi, ma di aver in seguito patteggiato per 6 mesi. Insomma, non un uomo da Festival della Musica Italiana certo, ma di sicuro una scommessa di Amadeus. Che rischia però seriamente di non arrivare sul palco.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!