Come vincere l’incertezza con i fiori di Back

incertezza

L’incertezza è una brutta bestia perchè non permette di vivere con serenità la vita.
Quante volte ci si trova nella situazione di dover decidere su una questione importante e essere costretti a dover rimandare tutto al domani o all’infinito?
L’incertezza crea spesso ansia e panico impedendo di andare avanti, bloccando le emozioni e paralizzando le idee e le iniziative che possono cambiare spesso il percorso di vita di una persona.
I fiori di Back possono aiutare ad avere più consapevolezza del proprio valore aumentando l’autostima e consentendo di prendere la giusta decisione.
A seconda delle emozioni che si provano è possibile utilizzare fiori di Back differenti o in combinazione tra di loro. Vediamo dunque quali utilizzare:

  • Aspen è un fiore molto utile quando si teme il futuro, quando l’ignoto fa capolino e paralizza l’azione nell’immediato provocando pessimismo;
  • Cerato è il fiore più adatto a chi non crede nel proprio essere e manca di autostima dovendo sempre dipendere dal parere di altre persone; molto utile anche durante l’adolescenza per dipanare i dubbi della crescita interiore e spirituale;
  • Larch è il fiore  adatto a tutti quelli che soffrono per un complesso di inferiorità e credono di non farcela in situazioni sociali;
  • Mimulus è per i timidi, per tutti coloro che hanno difficoltà a rapportarsi con il prossimo, a chi dubita di sé stesso nelle relazioni di coppia;
  • Scleranthus invece aiuta chi non prende mai le decisioni ma non riesce neppure a chiedere aiuto o validi consigli ad altre persone;
  • Walnut è un potente maestro che aiuta a prendere una decisione quando ci si trova a un bivio che potrebbe modificare la vita, ad esempio quando uno studente deve decidere il percorso scolastico.

I fiori di Back agiscono a livello energetico infondendo coraggio e fiducia.
Chi li usa deve saper valutare bene le sue emozioni e lo stato d’animo e scegliere il fiore o la combinazione più adatta al momento e al proprio animo.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!