Salvia Officinalis, proprietà e coltivazione

Erbe medicinali da coltivare in casa

salvia officinalis

Se avete un angolino sul balcone o una zona ben illuminata in casa, potrete crearvi una piccola farmacia naturale coltivando erbe aromatiche e medicinali molto comuni.

Divise in vasetti, potranno essere coltivate anche in inverno se posizionate in una zona riparata o in una piccola serra dove creeranno un microclima utile al loro sviluppo.

Parliamo oggi della Salvia comune, conosciuta ed apprezzata da millenni per le sue proprietà medicinali prima che per il suo utilizzo culinario, non a caso le venne dato il nome di Salvia Officinalis, proveniente dalla parola ‘salus’, salute ma anche salvezza.

Come coltivarla e per cosa utilizzarla:

È molto facile da coltivare, rustica, ama il caldo, il sole e terreno sabbioso ben drenato. In vaso richiede un luogo soleggiato e arieggiato in casa, riparato in balcone. Fiorisce in estate.

Sopporta il gelo, ma copritela con del tessuto non tessuto in inverno per evitare che il terreno si freddi troppo. Può essere che a temperature più rigide crescano foglie più piccoline, è normale, la pianta si difende dal freddo.

Non va bagnata eccessivamente o rischia di marcire alla radice, può essere anche un po’ trascurata, non necessita di grandi attenzioni. Crescendo si può potare per mantenere una dimensione ed una forma adeguate al contenitore. In coltura sopravvive 4/5 anni, spontanea anche fino a 15.

Se ne conservano sia le infiorescenze che le foglie, lasciandole essiccare all’ombra, da cui si può ricavare un infuso utile in molte circostanze (vanno utilizzate fresche nei decotti).

Grazie all’olio essenziale in essa contenuto, le vitamine B1 e C, i flavonoidi (che svolgono azione estrogenica) e i tannini, ha infatti qualità :

  • antinfiammatorie, battericide e balsamiche, utili in caso di tosse, raffreddore e febbre;
  • cicatrizzanti, in caso di affezioni della pelle per uso esterno;
  • diuretiche, in caso di reumatismi;
  • antispasmodiche, in caso di sindromi mestruali dolorose, disturbi digestivi e intestinali;
  • stimolante del sistema ormonale, contro i problemi della menopausa o dei disturbi femminili in generale.

Le foglie fresche o la polvere di foglie essiccate, strofinate sui denti, sono utili contro gengiviti e tengono i denti puliti e bianchi. Foglie di salvia nell’acqua del bagno aiutano la pelle a combattere affezioni o irritazioni. L’infuso a stomaco vuoto possiede anche un azione ipoglicemizzante, utile in caso di diabete. D’estate il decotto è ottimo per sudare meno.

Nella medicina tradizionale cinese viene anche utilizzata per curare insonnia, depressione e disturbi mentali.

Come preparare i rimedi alla salvia:

Infuso : 1 cucchiaio raso di foglie e fiori di salvia essiccate, lasciate in infusione 5 minuti in una tazza di acqua bollente. Filtrare. Va assunta per tempi prolungati anche più volte al giorno in caso di reumatismi, problemi femminili, digestione difficile, ritenzione idrica e diabete. Utilizzata come impacco è utile per rinforzare i capelli. A piacere aggiungere limone e miele.

Decotto : dieci foglie e/o fiori freschi ben puliti spezzettati, portate a ebollizione in un pentolino d’acqua. Lasciar riposare 10/15 minuti a recipiente coperto. Filtrare. Lasciato raffreddare a temperatura ambiente, il decotto è indicato anche per l’uso esterno e per gargarismi nelle affezioni di bocca e gola. Come antispasmodico, anti sudore e antibatterico. Utilizzare per brevi periodi.

Attenzione: Sconsigliati i preparati a base di salvia in gravidanza e allattamento !

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!