Whatsapp, ti tradisce? Come spiare il profilo del tuo partner

Whatsapp
Whatsapp

Spiare le conversazioni e i messaggi whatsapp del proprio partner, chi non è stato tentato, almeno una volta nella vita? Ovvio ribadire che la fiducia è il motore di una coppia, che invadere il campo altrui non è una cosa giusta, ma talvolta, cedere alla tentazione e alla semplice curiosità può quasi essere necessario. Scopriamo insieme come.

Come spiare Whatsapp

Esistono diversi modi che consentono di spiare le conversazioni Whatsapp e aggirare la privacy della persona che avete intenzione di “monitorare”: app-spia, software e tecniche di social engineering, ma esiste un modo decisamente più semplice e a portata di tutti.

Utilizzare Whatsapp web da remoto

Forse non tutti sanno che attraverso Whatsapp web è possibile leggere le conversazioni di chi ci interessa da remoto. Basterà prendere il cellulare della persona che a voi interessa, fare la scansione ordinaria e una volta entrati  lasciare la spunta “Resta Connesso”.

Recuperare i messaggi cancellati

Un altro modo sicuramente efficace è quello di recuperare la messaggistica cancellata. Quello che dovete fare è scaricare un’applicazione o un programma che vi permetta di effettuare il ripristino delle conversazioni andate perdute.

Ultima chance: l’archivio

Whatsapp offre inoltre una funzione davvero utile: controllare nell’archivio tutte le chat e i messaggi che sono stati archiviati e smistati altrove. L’opzione funziona per gli utenti iOS, ovvero per chi ha un iPhone o un iPad.

Per procedere bisognerà munirsi del cellulare della “vittima”, andare su Impostazioni -Account- Utilizzo Archivio. Compiendo questo procedimento apparirà anche la lista delle persone con cui si è più in contatto e c’è maggior scambio di messaggi.

Anche se…

Uno dei metodi sicuramente più produttivi resta quello classico: mente il vostro partner è sotto la doccia o sta dormendo, è il momento ideale per una “sana” sbirciatina. Sempre che non ci siano codici sul suo telefono che impediscono l’accesso.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!