Annamaria Sorrentino: gli strani lividi sulle braccia di Paolo

Annamaria Sorrentino
Annamaria Sorrentino

Luisa, sorella di Annamaria Sorrentino, la miss 29enne precipitata dal balcone di una casa che aveva preso in affitto per trascorrere le vacanze di Ferragosto assieme al marito e ad un gruppo di amici, è tornata a parlare.

Il settimanale Giallo ha reso note le nuove dichiarazioni della donna, che ha rilasciato informazioni clamorose sulla tragica vicenda. Luisa Sorrentino ha detto di essere venuta in possesso di una videochiamata che il marito di Annamaria, Paolo Foresta ha fatto con una sua amica, mentre la miss era in coma in ospedale, dopo l’incidente. Luisa ha dichiarato che in quelle immagini sono visibili chiaramente degli ematomi sulle braccia del 33enne.

Annamaria Sorrentino: come si procurò Paolo quei lividi?

Luisa Sorrentino ha detto che sarebbe importante capire come Paolo Foresta si sia procurato quegli strani lividi che la sorella di Annamaria Sorrentino ha notato in una videochiamata tra l’uomo ed una sua amica. Paolo ha spesso cambiato versione riguardo l’episodio della morte di sua moglie.

Luisa ipotizza che quegli ematomi Paolo se li sarebbe procurati nel corso di un alterco con la moglie, mentre Foresta cercava di aggredire quest’ultima. La sorella di Annamaria ha aggiunto di aver messo la videochiamata nelle mani del suo avvocato, il quale si occuperà di fornirla agli inquirenti.

Bugie su bugie da parte di Foresta

Annamaria Sorrentino è morta dopo due giorni la caduta, in preda a dolori lancinanti. La sorella Luisa ha dichiarato di possedere la registrazione di una videochiamata in cui appare il cognato Paolo Foresta, marito di Annamaria.

La videochat effettivamente esiste e risale al 17 agosto 2019, ovvero il giorno successivo all’incidente mortale della 29enne. Giallo ha reso noti in esclusiva alcuni fotogrammi dove si notano abbastanza nitidamente quelle che sembrano essere ematomi ed escoriazioni sulle braccia del 33enne.

Paolo Foresta è attualmente indagato per omicidio preterintenzionale. Non è dato sapere come l’uomo si sia procurato le ferite che si notano in videochat. Paolo, al riguardo, ha fornito agli inquirenti più versioni ed anche contrastanti.

Inizialmente, il marito di Annamaria Sorrentino aveva detto di essersi fatto male sbattendo contro una ringhiera di legno, nel tentativo di salvare la moglie che aveva deciso di suicidarsi. La versione è stata prontamente smentita da un testimone che ha dichiarato di aver visto la ragazza correre, urtare la ringhiera a precipitare senza ricevere alcun aiuto. Le indagini proseguono.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!