WhatsApp, ennesima truffa, attenzione al virus di San Valentino

Whatsapp
Whatsapp

Sono milioni gli utenti che, quotidianamente, si scambiano messaggi mediante WhatsApp. E proprio per questo si è di certo abituati a stare attenti alle varie truffe che circolano sull’app.

Ci sono, infatti, messaggi che azzerano il credito residuo, link che rubano le informazioni personali, manipolazioni sulle foto del profilo. L’ultima truffa segnalata è quella che è stata denominata “virus di San Valentino”. Caderci significa rischiare di perdere tutti i propri dati.

WhatsApp, arriva la truffa del virus di San Valentino

San Valentino è ormai vicino ma la truffa che si aggira su WhatsApp in queste ultime ore ha ben poco a che fare con l’amore. Ma come si compone, stavolta, questo tentativo di truffare gli utilizzatori dell’app?

Il meccanismo è abbastanza semplice e non nuovo in questo tipo di inganni. Sul numero dell’ignaro destinatario arriva un messaggio WhatsApp proveniente da un numero sconosciuto. Il testo non è fisso e può variare. In genere, comunque, viene richiesto l’invio di un codice visualizzato mediante un sms.

Subito dopo aver ricevuto la richiesta, infatti, la vittima riceve un sms contenente un codice di 6 cifre. Sarebbe questo il numero richiesto dal misterioso contatto su WhatsApp. A questo punto si può decidere di non rispondere (ed è la scelta migliore) o di farlo. Nel momento stesso in cui, però, si invia il codice di risposta si dà al malintenzionato la possibilità di accedere al proprio account sull’app di messaggistica.

Le conseguenze della truffa e come non cascarci

Le conseguenze della truffa prevedono, innanzitutto, che la persona ignota che ci ha invitati a confermare il codice possa accedere al nostro account su WhatsApp. In automatico gli sarà possibile sbirciare tra le nostre chat, tra le nostre liste dei contatti e potrà, in alcuni casi, decidere di cancellare proprio tutto dall’account.

Ecco perché è fondamentale prestare la massima attenzione. Evitiamo, in ogni caso, di rispondere a messaggi di gente che non conosciamo, non inviamo mai codici di risposta e non clicchiamo mai su link con i quali ci viene richiesto, da fantomatici mittenti, di confermare i nostri dati o il nostro account. Solo così non cascheremo nella rete di questi malintenzionati.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!